Lecce capitale dei we. Appello ai b&b

Lecce. Aderire al progetto promosso da Palazzo Carafa. Che cosa fare

LECCE – Il Comune di Lecce ha pubblicato sul proprio sito web istituzionale un apposito avviso rivolto a tutti gli operatori, operanti direttamente od indirettamente nel settore turistico, della Città di Lecce (alberghi, altre strutture ricettive, ristoranti, botteghe artigiane, negozi in genere), in modo particolare ai titolari di Bed and Breakfast (B&B), che volessero aderire all’offerta turistica della Città di Lecce nell’ambito del progetto-pilota “Lecce Capitale dei weekend”. Gli operatori potranno aderire sottoscrivendo apposito format di adesione senza alcun onere finanziario da parte dell’aderente. L’adesione permette di essere promossi sul sito web di progetto (www.lecceweekendbreak.net) con apposita descrizione della propria struttura/attività e con l’indicazione dello sconto offerto. // Come partecipare Gli associati ad una o più associazioni datoriali provinciali (Confartigianato, Confcommercio, Confesercenti e Confindustria), potranno contattare la propria associazione e ricevere direttamente il format di adesione, da compilare e re-inviare alla stessa associazione. Chi non è iscritto ad alcuna associazione datoriale, in particolare per i B&B non associati, potrà recarsi, munito di un documento di identità in corso di validità, presso una delle sedi delle associazioni suddette, dove potrà compilare apposito format di adesione e relativa autodichiarazione. L’avviso informativo è valido fino all’intera durata del progetto “Lecce Capitale dei weekend”. In particolare, saranno accettate le adesioni che perverranno alle associazioni di categoria datoriali entro e non oltre il 20 maggio 2011. Sull’avviso, pubblicato sul sito del comune www.comune.lecce.it (nella home-page, sezione avviso ai naviganti) sono indicati indirizzi, orari di apertura al pubblico degli uffici e referenti delle associazioni alle quali è possibile rivolgersi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment