I 'gioielli' da visitare. Con il Fai

GUARDA I VIDEO. Il convento dei Minimi, Palazzo Vernazza, Biblioteca Provinciale “N. Bernardini”, palazzo Castromediano e Chiesa di Madonna dell’Itri. Sabato 26 e domenica 27

Luoghi meravigliosi e inconsueti. “Gioielli”, come il Convento dei Minimi (ex carcere di san Francesco e attualmente sede della Guardia di Finanza), palazzo Vernazza, la Biblioteca Provinciale “N. Bernardini” e a Cavallino, il palazzo Castromediano, a Nociglia, la chiesa di Madonna dell’Itri, sabato e domenica si potranno visitare in occasione della “Giornata Fai (Fondo Ambiente Italiano) di Primavera”. I beni saranno aperti a cura della delegazione di Lecce. 660 luoghi aperti in tutta Italia e quest ‘anno, nella XIX edizione delle giornate del “Fai”, per festeggiare il 150 anniversario dell’Unità d’Italia ci sarà un percorso speciale “150 luoghi per 150 anni”. E poi guide d’eccezione: gli apprendisti Ciceroni, giovani studenti che illustreranno aspetti storico – artistici dei monumenti. Con orgoglio ne ha parlato in conferenza stampa l’avvocato Giorgio Aguglia, presidente della delegazione Fai di Lecce. Che ha sottolineato come l’invito è rivolto soprattutto ai ragazzi, per apprezzare quello che c’è di bello e tutelarlo da grandi.

Giorgio Aguglia-Capo delegazione FAI Lecce from Salento Quotidiano on Vimeo.

Sarà l’occasione anche per conoscere e visitare il Convento dei Minimi con l’annessa chiesa, sede attualmente del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza. Lo splendido palazzo Vernazza. “Si sono scelte su Lecce tre postazioni molto significative” ha sottolineato il sindaco di Lecce Paolo Perrone. Presenti anche il colonnello, comandante della Guardia di Finanza di Lecce, Patrizio Vezzoli e Gianluca Borgia presidente della Commissione Cultura del Comune di Lecce. La segretaria Fai di Lecce, Loretta Martella e la delegata giovani Fai di Lecce, Maria Chiara Invidia.

Sindaco Paolo Perrone in un momento della conferenza stampa from Salento Quotidiano on Vimeo.

Si potrà visitare la Biblioteca Provinciale “N. Bernardini” e visionare il vecchio quotidiano “Cittadino Leccese” del 1861. In provincia, a Cavallino il palazzo Castro mediano. Venerdì 25, sempre a Cavallino, alle 18 nella Galleria del palazzo Ducale, ci sarà un incontro sulla rievocazione storica: “Sigismondo Castromediano da Cavallino a Londra tra processi e carceri per l’Unità d’Italia” a cura del dottor Aldo Ravalli. A Nociglia, si potrà visitare la splendida Chiesa di Madonna dell’Itri. Per il “Festival del XVIII secolo”, rassegna di incontri musicali realizzata dall’Associazione Romana Amici della Musica, il Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce e altri enti e associazioni, con la direzione artistica del maestro Corrado de Bernart, alla sua quarta edizione la cui ouverture è legata alle giornate Fai, ci saranno degli spazi musicali: domenica 27 alle 11.45 a Lecce nella Chiesa di san Francesco da Paola in piazza dei Peruzzi “La riscoperta del repertorio settecentesco” a cura di Scipione Sangiovanni al pianoforte, musiche di Bach, Mozart, Listz, Busoni. Nel Palazzo Baronale di Nociglia, sabato alle 20.00 un concerto, “Caro Wolfgang… caro Joseph”, musiche di Mozart e Haydn, con Corrado de Bernart al pianoforte e Anna Aurigi, soprano.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment