Finge crisi per avere ammortizzatori sociali

Lecce. Aveva dichirato la sospensione – fittizia – dell’attività di 10 dipendenti che lavoravano regolarmente

Dieci dipendenti di un calzificio della provincia risultavano in cassa integrazione, ma di fatto erano regolarmente al loro posto di lavoro. L’impresa, nel 2007, aveva richiesto e ottenuto lo stato di crisi aziendale, allegando la necessaria documentazione attestante la fittizia sospensione dell’attività lavorativa di 10 dipendenti, dovuta alla momentanea mancanza di commesse. Per tali ragioni, aveva fatto ricorso alla Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria (Cigo) che prevede un’integrazione al reddito di quei lavoratori che, a causa di crisi aziendali temporanee, hanno la necessità di sospendere o ridurre l’orario di lavoro per un limitato arco di tempo. Le indagini hanno però permesso di appurare che la società, di fatto, non aveva mai sospeso l’attività lavorativa dei 10 operai interessati dalla C.I.G.O., che invece, in quell'arco di tempo, hanno regolarmente continuato a lavorare alle dipendenze dell’imprenditore. Tale circostanza è stata confermata dagli stessi dipendenti che hanno dichiarato di essere stati collocati dall’azienda, a loro insaputa, in cassa integrazione, e di non aver mai percepito dalla stessa alcuna indennità di integrazione. La Guardia di Finanza di Tricase ha denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica di Lecce, l’amministratore dell’azienda che dovrà rispondere di falso ideologico e truffa aggravata ai danni dello Stato. Per gli aspetti connessi ai danni erariali è stata interessata la Procura Regionale della Corte dei conti di Bari, così come per gli aspetti amministrativi relativi al recupero delle somme indebitamente percepite e l’irrogazione delle sanzioni è stata interessata sia la Direzione Provinciale del Lavoro sia l’Inps di Lecce

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment