La fabbrica di cioccolato

Lecce. Cioccolato in tutte le salse. Per tre giorni meglio dimenticare la dieta. Fa tappa in città “Chocolando in tour”. Trenta artigiani pronti a deliziare i palati più sopraffini

LECCE – A parlarne già si sente sul palato quel sapore confortante ed avvolgente che solo il cioccolato sa comunicare. Una questione di papille gustative e di fantasie nascoste che in tempi di inseguimento della forma perfetta suonano quasi come un sogno proibito. Fa tappa anche a Lecce “Chocolando in tour”, la manifestazione itinerante che ha come protagonista assoluto il cioccolato. L’ebbrezza dei sensi durerà tre giorni, da oggi a domenica 13 marzo. In piazza S. Oronzo si daranno appuntamento una trentina di artigiani blasonati con alle spalle concorsi internazionali, pronti a proporre le loro creazioni in cioccolato più golose e ardite. Alla tappa leccese verranno proposte novità in cioccolato sotto forma di praline, tavolette, spezzati, dragées, soggetti, cioccolata in tazza aromatizzata, cioccoaperitivi, lecca-lecca al cioccolato, attrezzi dell'arte fabbricera e utensileria della vita quotidiana riprodotti in cioccolato fondente purissimo, tartufi, dolci lievitati a base di cioccolato, liquori, frutta tuffata nel cioccolato fondente e al latte, spalmabili, mini Sacher da passeggio e quant'altro la più golosa fantasia possa immaginare. L’inaugurazione ufficiale dell’evento è prevista per le ore 18 alla presenza dell’assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Lecce, Massimo Alfarano. L'edizione 2010/2011 di Chocolando sarà un’edizione da primato. Il primo Tour italiano di maestri cioccolatieri artigiani, per nascita e numero di espositori e visitatori, diviene, infatti, quest'anno particolarmente ambizioso e conterà oltre 20 tappe distribuite nel Centro-Nord Italia e nelle Regioni transfrontaliere di Austria e Slovenia. // C’era una volta Chocolando Nato nel 2003 a Udine con un manipolo di artigiani del Friuli Venezia Giulia, “Chocolando”, divenuto poi “Chocolando…in Tour”, venne esportato nel 2005 a Vicenza dove, in Piazza dei Signori, in abbinamento con la Notte Bianca e il programma RAI Overland, registrò oltre 130.000 visitatori che fino all'alba degustarono ogni prelibatezza a base di cioccolato. Forte di questo successo, “Chocolando” sbarcò nel febbraio 2006 a Grosseto, in abbinamento al Carnevale che in Toscana si connota di colori e tradizioni di grande impatto scenico. Fu allora che, in collaborazione con una trentina di maestri cioccolatieri provenienti da tutta Italia, divenne un vero e proprio tour, prendendo nell'ottobre del 2006 le mosse da Soave, che ancora oggi, alla quinta edizione, resta per scaramanzia la prima tappa del tour. Nell'aprile 2009, per la prima volta, “Chocolando…in tour” ha varcato i confini e, su richiesta di alcuni comuni austriaci, gli organizzatori approntarono una prima area test a Villach, in Carinzia. Pur temendo che nella patria del cioccolato austriaco il made in Italy non avrebbe avuto riscontro, furono ben presto sconfessati da numeri entusiasmanti. // I maestri cioccolatieri in esposizione E ora Chocolando sbarca a Lecce con una “squadra” di espositori di tutta eccezione: Antonio Schettini di Merate, Eros Moro di Codognè, Marcello e Paolo Melillo di Termoli, Oliviero Olivieri ed Emiliano Fontanesi da Arzignano, Marc Anthony Biolzi da Bedonia, Fausto Ercolani, da Perugia, Francesco e Simone Mengo da San Donà di Piave, Monteccone da Torino, Adriano Franz da Staranzano, Davide Parla da Canicattì, Giorgio Battistelli da L'Aquila, Florin Jitareanu da Milano, Annalisa Pinto da Carrù, Giuseppina Mastrogregori e Giorgia Scribano da Viterbo, madre e figlia, Davide Appendino da Torino, la famiglia Santinori della Cioccolateria Caputvilla di Pavia. Ma molti altri “maestri” sono pronti ad accreditarsi per far gustare il cioccolato in giro per le piazze italiane.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment