Debiti imprese agricole: si apre il confronto

Equitalia annuncia una discussione istituzionale. Per l'assessore regionale all'agroalimentare Stefàno si tratta di “un segnale importante”

“Guardiamo con estrema attenzione al confronto istituzionale che Equitalia ha dichiarato di voler avviare a breve in materia di debiti fiscali e contributivi delle imprese agricole, tema questo più volte sollecitato non solo come Regione Puglia ma anche in qualità coordinatore degli assessori all’agricoltura delle Regioni Italiane”. È quanto dichiara l’assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia Dario Stefàno in merito alla notizia diffusa da Equitalia sull’apertura a breve di tavoli di confronto istituzionale per affrontare le questioni segnalate dai rappresentanti del comparto agricolo della Puglia e della Basilicata, specificatamente le difficoltà dei lavoratori e delle imprese con debiti di carattere fiscale e contributivo. “Un segnale di apertura senza dubbio importante che attendevamo – sottolinea Stefàno – e che auspichiamo vorrà coinvolgere appieno l'ente Regione che ha competenze costituzionali esclusive in materia di agricoltura. L’auspicio è che il lavoro dei tavoli di confronto possa sollecitare al Governo nazionale possibili soluzioni, da adottare con la massima urgenza. Quello delle difficoltà di natura fiscale e contributiva, infatti – aggiunge – è un fenomeno che sta investendo non solo la Puglia ma tutto il Paese. Il livello dei redditi è ai minimi storici e le situazioni debitorie sono talmente gravi da tradursi, in troppi casi, anche nella chiusura per messa in liquidazione, spesso per iniziativa proprio di Equitalia, di moltissime aziende agricole”. “Per questa stessa ragione – conclude Stefàno – già il 28 ottobre scorso, tutte le Regioni italiane, all’unanimità, con un ordine del giorno, in sede di Conferenza dei Presidenti, hanno chiesto al governo nazionale di agire con gli sgravi contributivi per le aree svantaggiate e di montagna ma anche con una moratoria sulle procedure esecutive in corso allo scopo di individuare le migliori possibili soluzioni operative e normative”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment