Esercizio abusivo della professione: presto una legge

Proposta del deputato del Pdl, Ugo Lisi, per l’introduzione nel Codice Penale, dell’articolo 348 bis, grazie al quale le lesioni causate da sedicenti professionisti, passano da colpose a volontarie

Fare cessare il prima possibile l’esercizio abusivo della professione medica ed odontoiatrica per tutelare, soprattutto, le categorie più deboli che spesso subiscono seri danni e si vedono costrette ad un ulteriore esborso da corrispondere a un vero professionista per curare le lesioni personali, spesso irreversibili, causate dal truffatore di turno non abilitato all’esercizio della professione medica od odontoiatrica. “Per questi motivi – afferma il deputato salentino del Pdl, Ugo Lisi – insieme alla collega Viviana Beccalossi, ho presentato una Proposta di Legge che chiede l’introduzione, nel Codice Penale, dell’articolo 348 bis, grazie al quale le lesioni causate da tali sedicenti professionisti, passano da colpose a volontarie inasprendo, così, le pene a cui questi soggetti sono sottoposti. Troppo spesso gli organi di informazioni fanno apprendere all’opinione pubblica le situazioni illecite scoperte dal Nucleo Antisofisticazioni dell’Arma dei Carabinieri e si viene così a conoscenza di odontotecnici che fanno i dentisti, ottici che esercitano la professione di oculisti, fisioterapisti che si spacciano per ortopedici, per non parlare, poi, di erboristi che realizzano diagnosi prescrivendo palliativi come se fossero vere e proprie medicine. Attualmente le leggi sono inadeguate alla realtà odierna, oppure troppo miti e non disincentivano i disonesti a violarle, avendo piena consapevolezze che, grazie ad un buon avvocato, alle pene ridotte, al rito abbreviato e al patteggiamento, come ad altri vari artifizi, possono cavarsela con poco e, altresì, riprendere l’attività illecita pochi mesi dopo, magari in altro luogo. Con questo Proposta di Legge, lo Stato viene così chiamato, oggi, ad aggiornare uno degli articoli del Codice Penale che più necessitano di aggravio della sanzione per la tutela di tutti i cittadini/pazienti. Fornendo mezzi certi agli organi giudicanti e dissuadendo dal delinquere i criminali e anche i loro fiancheggiatori grazie, finalmente, ad una vera e propria certezza della pena”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!