Gasolio agricolo: sequestrate 22 tonnellate

Denunciati a piede libero tre soggetti tra cui il titolare di un deposito commerciale di oli minerali

Sequestrate oltre 22 tonnellate di prodotto petrolifero agevolato ad uso agricolo, un furgone e un autoarticolato; denunciati a piede libero tre soggetti tra cui il titolare di un deposito commerciale di oli minerali. E’ il resoconto di una specifica e complessa attività che si inquadra in un più ampio dispositivo posto in essere dalle Fiamme Gialle finalizzato al contrasto di illeciti nel settore delle accise. Nei giorni scorsi, i Finanzieri della Compagnia di Lecce hanno infatti monitorato un deposito commerciale della provincia dove, grazie alla segnalazione di alcuni cittadini che hanno fornito informazioni attraverso il numero di pubblica utilità 117, veniva venduto gasolio agricolo utilizzato per fini diversi da quelli consentiti. E’ stato cioè accertato che alcuni autotrasportatori si approvvigionavano di gasolio agricolo con conseguente evasione in materia di imposte sul consumo dei carburanti. Infatti, durante le fasi di osservazione, i Finanzieri hanno notato un’auto furgonata, tipo “Fiorino” che all’uscita del deposito appariva palesemente sovraccarica. Un controllo stradale predisposto a poca distanza dal deposito, consentiva di rinvenire all’interno del predetto veicolo tre bidoni contenenti complessivi 600 litri di gasolio agricolo prelevato dal deposito senza averne titolo, destinato ad un autoarticolato ed allo stesso fiorino. Nel prosieguo dell’attività investigativa, venivano sequestrati ulteriori 144 litri di analogo prodotto petrolifero rinvenuti, rispettivamente, all’interno dei serbatoi di alimentazione del citato fiat fiorino e di un autoarticolato. Tali mezzi venivano posti sotto sequestro anche perché privi di assicurazione obbligatoria e della revisione periodica. Il giorno successivo all’intervento, i Finanzieri si sono recati presso il deposito commerciale per eseguirvi più approfonditi controlli. All’arrivo si sono trovati di fronte il titolare di una agenzia di pompe funebri il quale, anch’egli senza legittimo titolo, si era approvvigionato di 148 litri di gasolio agricolo che veniva sottoposto a sequestro. Conseguentemente, su conforme parere del Pubblico Ministero di turno, veniva sequestrato tutto il contenuto del serbatoio presso il deposito commerciale, contenente oltre 22.000 litri di gasolio agricolo, al fine di impedire la reiterazione della condotta illecita costituente reato.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!