Federalismo, ok della Camera. ‘Si svende la democrazia’

Roma. Il commento di Teresa Bellanova, deputata del Pd, sull’approvazione del testo sul federalismo municipale

ROMA – “Quello che avrebbe dovuto essere, a detta del Governo, un provvedimento di epocale ‘rinvigorimento” delle municipalità italiane’ sostanzialmente si trasformerà in una pesantissima tagliola che avrà una ricaduta diretta sul futuro delle nostre comunità locali, sull'ordinamento e la funzionalità amministrativa dei Comuni, sulla qualità della vita dei cittadini e sul carico fiscale dei contribuenti e delle imprese”. Con queste parole Teresa Bellanova, deputata del Pd, ha commentato l’approvazione alla Camera della risoluzione di maggioranza relativa al testo sul federalismo (314 sì, 291 no e 2 astenuti). “Il modello di federalismo municipale che questi signori hanno implementato – ha continuato la parlamentare del Pd – nei fatti, consta in una totale riduzione di servizi proprio per i soggetti maggiormente bisognosi. Vengono ridotti all’osso i Livelli Essenziali delle Prestazioni sui diritti civili e sociali che lo Stato è chiamato a garantire. Si tratta, dunque, di tagliare su asili nido, assistenza domiciliare agli anziani, inclusione scolastica, prestazioni di riabilitazione e ausili per le persone con handicap. In pratica tutto ciò che rende civile una società. Ed il risultato più eclatante di tutta questa operazione sarà quello di creare un divario sempre più profondo tra la qualità dell'esistenza dei soggetti forti e quella delle fasce più deboli delle nostre comunità, nonché quello sempre più drammatico tra Nord e Sud del Paese”. “Porre la fiducia su un provvedimento che investe gli interessi collettivi degli italiani – ha concluso Bellanova – e che per questo avrebbe meritato una discussione ampia ed approfondita, è un evidente ammissione dell’inconsistenza riformistica di questa operazione e di questo esecutivo. Qui non si parla più di esautorare il solo Parlamento italiano, ma di svendere l’intero assetto democratico per i ‘giochi politici’ tra Berlusconi e la Lega”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!