Sanità. ‘Via i dirigenti incapaci’

Bari. Secondo Salvatore Negro, presidente dell’Udc in Regione, l’assessore Fiore saprà scegliere nuovi dirigenti tramite i corsi di formazione attualmente in corso

BARI – “Siamo fiduciosi nell’operato della magistratura. Il compito della politica sana ora è quello di sciogliere i nodi che legano il sistema sanitario pugliese e offrire servizi sempre più adeguati ai cittadini. L’assessore Fiore gode della stima e della fiducia di tutte le forze politiche rappresentate in Consiglio regionale. Per questa ragione si assuma la responsabilità di mettere fuori i dirigenti inetti ed incapaci e scegliere i nuovi dirigenti nella rosa dei 33 candidati che si stanno selezionando attraverso i corsi di formazione”. È questo in sintesi il senso dell’intervento del presidente del Gruppo Udc alla Regione Puglia, Salvatore Negro, intervenuto nel corso del Consiglio regionale di ieri che ha avuto ad oggetto le recenti vicende della sanità pugliese. Un dibattito chiesto ed ottenuto dalle opposizioni di via Capruzzi. “Anche in questa vicenda – ha sottolineato il capogruppo Udc – vogliamo mantenere un atteggiamento costruttivo, in linea con quel senso di responsabilità che sta caratterizzando la linea politica dell’Unione di Centro. Nei giorni scorsi abbiamo espresso apprezzamento per quel rapporto di collaborazione tra Istituzioni recuperato tra il Presidente Vendola ed il Ministro Fitto. Ci auguriamo che lo spirito di collaborazione continui e che le forze politiche si adoperino per trovare delle intese per scrivere nuove regole che migliorino il sistema sanitario pugliese”. “Non si può fare di tutte le erbe un fascio – ha continuato il presidente Negro, che ha precisato come l’Udc non sia per l’azzeramento dell’intero management della sanità e che creda sull’esistenza di professionalità da salvaguardare e tutelare. “Ma l’assessore Fiore – ha aggiunto – deve assumersi la responsabilità di mettere fuori quei dirigenti che non sono in grado di dare risposte ai gravi problemi che attanagliano il settore sanitario in Puglia. Il suo rigore morale e la sua professionalità ne fanno l’uomo giusto per mettere ordine alla disastrosa situazione che si è venuta a creare, individuando i nuovi dirigenti tra le 33 nuove professionalità venute fuori dai corsi di formazione. Siamo sicuri che l’assessore saprà ben scegliere”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!