Ugento: 'le opposizioni facciano fronte comune'

Lo chiede il PdCi, in un documento d’indirizzo per le elezioni amministrative 2011 al fine di contrastare “il degrado in cui versa il territorio dopo 15 anni di malgoverno della destra”

Un documento d’indirizzo del PdCi – Fds di Ugento per le elezioni amministrative 2011 è stato proposto dal Comitato direttivo di sezione e approvato all’unanimità dall’assemblea degli iscritti nella riunione del 7 febbraio scorso. Si è ravvisata l’esigenza di costituire un fronte unitario di tutte le opposizioni presenti nel Consiglio comunale, ed eventualmente anche al di fuori, per contrastare il degrado in cui versa il territorio dopo 15 anni di malgoverno della destra. Tale convergenza deve essere larga, plurale ed aperta anche a personalità e gruppi organizzati di matrice non necessariamente partitica che in questi anni e in questi mesi si sono contraddistinti per una forte critica nei riguardi dell’attuale giunta e maggioranza politica che governa ugento ed il suo territorio. Tuttavia, il Pdci non può non ribadire la sua contrarietà all’ingresso in questa alleanza “di personaggi vaghi ed ambigui – scrivono nel documento – il cui atteggiamento si è caratterizzato da prese di posizione contrarie al sindaco Ozza e alla sua giunta per mero personalismo e per puri interessi corporativi, contrari allo spirito dell’interesse generale e di difesa del territorio e delle classi più umili, caposaldi dell’azione di opposizione, e nello stesso tempo di 'proposizione', che il Pdci ha svolto in questi anni, sia dentro il Consiglio comunale che fuori”. L’assemblea generale degli iscritti del partito propone quindi la costituzione di una grande alleanza democratica per battere la destra, vincere le prossime elezioni comunali e governare Ugento, Gemini, Torre San Giovanni e le marine per i prossimi cinque anni. Per far questo, occorre creare la massima convergenza e fissare alcuni punti programmatici importanti, soprattutto per quanto riguarda le problematiche sociali, la difesa della’ambiente e del territorio, la corretta gestione del litorale e di tutta la fascia costiera, l’avvio di una nuova politica di gestione del ciclo dei rifiuti solidi urbani, il contrasto forte al degrado e alla povertà di enormi sacche di nostri concittadini, un nuovo piano urbanistico generale che tenga conto delle reali esigenze dei cittadini, dei lavoratori e delle piccole e medie imprese che operano nel settore, il rilancio del settore agricolo, attraverso una corretta fruizione e gestione del parco naturale regionale e tutta quanta la politica di qualita’ delle risorse agricole che da esso ne derivano, una nuova strategia turistica, che riesca a destagionalizzare o ampliare per parecchi mesi l’anno i flussi dei visitatori, ora concentrati solo nelle poche settimane estive, e che possa essere garanzia per noi tutti di piena e buona occupazione. Nel rispetto delle singole autonomie, ma nel pieno dello spirito unitario che ci contraddistingue – si legge – ci sentiamo anche di deliniare alcune caratteristiche che dovrebbe avere il candidato sindaco ed i facenti parte di questa lista unitaria: popolarità, raprresentanza, adesione e condivisione di un progetto politico comune, che richiami i punti sopra deliniati. In particolare, il candidato sindaco deve essere espressione e sintesi delle varie anime e componenti, rispettoso di ogni contesto partitico o organizzato, delle loro caratteristiche e delle loro autonome manifestazioni e deve necessariamente condividere e mettersi a disposizione di un comune progetto”. Il Pdci – Fds si definisce contrario a candidature imposte dall’alto, da questo o quel 'gruppo di amici', o espressione di una candidatura personale e da novello 'uomo della provvidenza'. La leadership di uno schieramento deve essere di un personaggio che, a vario titolo, è stato ed è impegnato nella politica e/o nel tessuto sociale di ugento e del suo territorio, non necessariamente espressione partitica ma di sicuro rappresentativo di un area politica nella quale si va a chiedere il consenso. Su queste basi il Pdci – Dds è pronto a scendere in campo, ed a lottare, come sempre, per la migliore riuscita dell’intera alleanza che si candida a governare nel migliore dei modi la nostra citta’ e tutto il suo territorio”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati