Alloggi: 27milioni di euro per cooperative e imprese

Bari. Su 57 domande per la costruzione e/o il recupero di strutture di edilizia convenzionata agevolata, 3 contributi sono destinati alla provincia di Lecce 8 a Taranto, 2 a Foggia e i restanti 44 a Bari

Stanziati, dalla Giunta regionale, 27 milioni di euro di contributi per le imprese e le cooperative per la costruzione e/o il recupero di alloggi di edilizia convenzionata agevolata. La delibera, pubblicata sul Burp, è un atto di “preliminare localizzazione degli interventi e di approvazione della graduatoria dei soggetti proponenti”. Il bando, infatti, subordina l'erogazione del contributo alla verifica del rispetto dei requisiti tecnici. Sulle 87 domande di richiesta di contributo pervenute al Servizio Politiche abitative solo 57 sono state considerate ammissibili. I provvedimenti di liquidazione e pagamento saranno adottati successivamente e salvo il rispetto dei limiti opposti dal “Patto di stabilità” che obbliga le amministrazioni a vincoli di spesa molto rigidi. Qualora dovessero verificarsi rinunce, “da riduzioni dei programmi ammissibili o da decadenze”, saranno invitati gli ulteriori soggetti inseriti in graduatoria, fino ad esaurimento delle risorse. La graduatoria Scorrendo l'elenco dei soggetti ritenuti ammissibili, per la provincia di Lecce, sono in lista la Cooperativa “La Casa” (Merine di Lizzanello) con un importo richiesto di 2.910.083,93 di euro; l'Impresa “Gal.Co” di Alessio Congedo (Galatina) con 1 milione; l'Impresa “Geo Impianti” (Taviano) con 360.000,00 euro; la “Harem Immobiliare” (Matino) con 220.000,00 euro. Su 57 domande, 3 contributi sono destinati a Lecce e il suo hinterland, 8 alla provincia di Taranto, 2 per Foggia e le restanti 44 per Bari. Nella lista dei soggetti non ammissibili, per la provincia di Lecce risultano esclusi la ditta “Maroccia Giuseppe” (Trepuzzi) che aveva chiesto un contributo di 120mila euro e la “Pard Leabel” (Lecce) con 465mila euro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!