Formazione medica. Mitt da primato

Lecce. “Mitt” è l’unica realtà di organizzazione congressuale nel Grande Salento riconosciuta dal Ministero alla Salute, idonea a svolgere il ruolo di provider Ecm

LECCE – Novità sul versante dell'aggiornamento professionale in campo sanitario: la “Mitt – Medical & Scientific Learning” di Lecce è stata riconosciuta dal Ministero della Salute, idonea a svolgere il ruolo di Provider Ecm (Educazione Continua in Medicina), unico nel capoluogo e nel Grande Salento, per la progettazione di attività formative di tipo residenziale e di Formazione sul Campo, nell'ambito dei congressi ed eventi medico – scientifici. Mitt, accreditata a livello nazionale, soddisfa, infatti, gli standard di qualità richiesti dalla Commissione Nazionale Ecm del Ministero. L'obiettivo è rilevare i fabbisogni degli operatori sanitari (medici, psicologi, biologi, farmacisti, infermieri, tecnici) e creare i contenuti didattici adatti, al fine di erogare crediti formativi. Con la nuova normativa (che dal 30 giugno sostituirà quella attuale) sarà, infatti, il Provider a valutare l'apprendimento e la qualità didattica dei singoli partecipanti, disciplinando la validazione dei crediti a 30 giorni dalla data dell'evento. La novità è stata presentata il 23 febbraio scorso durante una conferenza stampa, in cui sono intervenuti l’assessore provinciale alle Politiche sociali e Pari opportunità, Filomena D’Antini Solero, l’assessore al Bilancio del Comune di Lecce, Attilio Monosi, il presidente del Consorzio per il sistema integrato di welfare di Poggiardo Giuseppe Colafati, la responsabile della comunicazione scientifica per le attività formative ECM della “Mitt – Medical & Scientific Learning” di Lecce, Tiziana Ippolito, Valentina Galiazzo, biologa nutrizionista, Gino Peccarisi, consigliere dell'Ordine dei Medici di Lecce e il direttore della comunicazione Asl Lecce, Ilio Palmariggi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!