Buccoliero: 'commissariare le Asl'

Per il consigliere regionale, sarebbe un chiaro segnale di stop nei confronti di atteggiamenti viziati e pilotati, che hanno snaturato il servizio sanitario pugliese

“In questa delicata fase, che vede la sanità regionale nell’occhio del ciclone, sarebbe necessario un atto deciso e coerente, che possa restituire serenità a tutto il territorio: commissariare le Asl pugliesi”. È quanto dichiara il consigliere della Regione Puglia e presidente di “Moderati e Popolari”, Antonio Buccoliero. “Una scelta del genere – prosegue ancora Buccoliero – che già è stata attuata per gli Istituti Autonomi Case Popolari rappresenterebbe un chiaro segnale di stop nei confronti di atteggiamenti viziati e pilotati, che hanno snaturato il servizio sanitario pugliese. È chiaro che, se non si parte con una seria inversione di tendenza del sistema, poco o a potrà essere fatto, limitandosi solo a cambiare gli uomini chiamati a gestire le risorse. Tuttavia, in questo particolare momento storico, serve un atto serio e deciso, che dia il segnale di una battuta d’arresto e dell’avvio di un nuovo percorso. Ritengo che il presidente Vendola, oltre a sottolineare, con soddisfazione personale, l’archiviazione delle accuse mosse a suo carico, bene farebbe a prendere una seria posizione contro quello che i mass media hanno ribattezzato “sistema Tedesco”, dimostrando che almeno esiste una responsabilità politica e morale, che non può essere trascurata. È da questa consapevolezza che occorre ripartire – conclude Buccoliero – per dimostrare come ogni sistema contorto e torbido, possa essere debellato da un atteggiamento responsabile e coraggioso, che investa, in primo luogo, le stanze del potere”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!