Tutela dell'ambiente: nel 2010 sequestrate 14 discariche a cielo aperto

Consuntivo annuale della finanza salentina. Sigilli per 96 unità abitative, 47 edifici commerciali, 2 immobili a destinazione speciale, 8 terreni

Tutela dell'ambiente è sinonimo di benessere per le popolazioni e contrasto alla criminalità organizzata che focalizza il suo interesse sulle attività connesse allo smaltimento di rifiuti, emissioni inquinanti e abusivismo edilizio. L’attività ispettiva condotta dalle Fiamme Gialle salentine sull’intero territorio provinciale, nel 2010 ha ottenuto i seguenti risultati: • soggetti denunciati a piede libero 58; • discariche a cielo aperto sequestrate 14; • superfici sequestrate mq. 24.713; • metalli e rottami metallici sequestrati kg. 91.745; • materiale plastico e/o non classificato sequestrato Pz. 200.000; • rifiuti industriali Kg. 1.920.000; Parallelamente, nel medesimo contesto della tutela ambientale, è stato dato un significativo impulso alle attività volte a reprimere l’abusivismo edilizio. Nei 12 mesi del 2010, l’azione di contrasto nel particolare settore è stata realizzata attraverso 91 interventi che hanno consentito di: • denunciare a piede libero 127 soggetti; • sottoporre a sequestro 96 unità abitative, 47 edifici commerciali, 2 immobili a destinazione speciale, 8 terreni per destinazioni diverse, 3.168 metri quadrati di terreni agricoli e 62.267 metri quadrati di aree demaniali. Nel comparto, è stata anche impegnata la componente aeronavale che – in virtù delle avanzate dotazioni tecnologiche di cui dispone – è in grado di rilevare e denunciare alle Autorità competenti fenomeni di inquinamento delle acque, dell’aria e del suolo, soprattutto attraverso lo strumento del telerilevamento aereo. L’attività investigativa delle Fiamme Gialle, in sinergia con tutte le altre componenti del sistema tributario e finanziario punterà a consolidare e avanzare, ulteriormente, i risultati già raggiunti nel 2010, ma anche a rafforzare l’attività di prevenzione e repressione nella lotta all’abusivismo edilizio e alla tutela ambientale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!