Casarano. Il Comune valuta le proprie performance

Unico centro pugliese, uno dei 2 del Sud, a essere stato inserito nel progetto pilota del governo sulla qualità dei servizi offerti

E' Casarano l’unico Comune della Puglia, uno dei due del Sud Italia assieme a Nola, in Campania, ad essere stato inserito nel progetto pilota “Valutazione delle performance”, destinato ai centri delle Regioni dell’Obiettivo Convergenza. Il progetto si propone, attraverso sistemi appropriati di programmazione delle attività e di misurazione e valutazione dei risultati, di migliorare la qualità dei servizi mettendo a disposizione delle amministrazioni destinatarie validi strumenti di gestione. Nella lettera di convocazione, inviata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Funzione Pubblica – Ufficio per il Programma di Modernizzazione delle Pubbliche Amministrazioni, si legge che scopo del progetto è di mettere a disposizione delle amministrazioni destinatarie dell’intervento “strumenti e know-how tratti dall’esame approfondito di amministrazioni che hanno già avviato il percorso di attuazione delle nuove disposizioni sulla gestione delle performance”, come quelle inserite nel progetto pilota, tra le quali Casarano. Sono sette le Regioni italiane coinvolte in questa prima fase: Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Toscana, Veneto, Campania e Puglia. I delegati dei Comuni partecipanti, Casarano, Bergamo, Novara, Reggio Emilia, Arezzo, l’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, Verona e Nola, si recheranno a Roma il prossimo 22 febbraio per il primo incontro di lavoro organizzato dal Dipartimento della Funzione Pubblica in collaborazione con FormezPA. L’incontro segnerà l’avvio del progetto e sarà finalizzato a discutere le modalità con le quali sarà condotto l’intero lavoro. Sono previste inoltre visite on site presso le varie amministrazioni. “Si tratta – commenta il sindaco Ivan De Masi – di un progetto pilota al quale siamo ben lieti di fornire il nostro contributo, poiché è in perfetta sintonia con le iniziative intraprese da quest’Amministrazione in tema di modernizzare della macchina amministrativa e di miglioramento dei servizi. Siamo convinti che gli sforzi compiuti sin dal nostro insediamento potranno essere da esempio per altri comuni e che i risultati raggiunti saranno ulteriormente migliorati grazie a questo progetto. Su questo fronte, non lesineremo sforzi, nell’interesse di tutti i dipendenti comunali, ma soprattutto dei cittadini”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!