Unità d’Italia. Greco: ‘Festeggiamenti consapevoli’

Bari. La vera follia sarebbe quella di chi vuole dividere. Il coordinatore dell’Udc in Puglia invita a celebrare adeguatamente l’unificazione del Paese

BARI – “Per il 17 marzo dalla Puglia partano segnali di unità e distensione: Istituzioni e forze politiche si preparino a festeggiare adeguatamente e con consapevolezza la Festa dell’unificazione del nostro Paese, superando, almeno per un giorno, divisioni e contrapposizioni”. Lo ha detto il presidente del gruppo Udc alla Regione Puglia Salvatore Negro, secondo il quale l’unità del Paese sarebbe un valore irrinunciabile. La vera “follia” sarebbe invece, secondo il presidente dell’Udc, quella di chi vuole dividere perché ha interesse a creare contrapposizioni per difendere interessi di campanile e di una classe imprenditoriale. “Oggi più che mai il nostro Paese ha bisogno di sentirsi unito e forte di fronte alla sfida del mondo globalizzato che ana le identità e alle continue minacce economiche e politiche che vengono da oltre i confini, ma anche di fronte alla disgregazione della società moderna che ha perso di vista i valori fondamentali come quello della famiglia, della vita e del lavoro”. Celebrare l’unità d’Italia sarebbe pertanto una riaffermazione dei valori di una cultura che ha radici profonde, sedimentata nei secoli, che ha contribuito in maniera determinante alla costruzione della civiltà europea. “Per un giorno – ha concluso Salvatore Negro – si mettano da parte critiche, risse politiche e mediatiche e ci si stringa intorno al tricolore. Lo dobbiamo a chi ci ha preceduto ed ha dato la vita per l’unità ma anche ai nostri figli ed alle generazioni future”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!