Idraulico truffa il fisco

Dichiarava un reddito di 14 mila euro, ma aveva alle dipendenze 5 lavoratori e risultava proprietario di una lussuosa auto

Circa 120 mila euro di base imponibile e oltre 22 mila euro di imposta sul valore aggiunto sottratti alle casse dell’Erario.: è questo è il risultato di una verifica fiscale condotta dalla Guardia di Finanza di Lecce nei confronti di un idraulico della provincia. A tale risultato, si è giunti grazie al consueto espletamento dei controlli economici del territorio, grazie ai quali è stato possibile individuare l’uomo che, sebbene dichiarasse un reddito di poco superiore a 14 mila euro, aveva alle dipendenze 5 lavoratori e risultava proprietario di una lussuosa auto di grossa cilindrata. L’attività di verifica eseguita dai Finanzieri ha permesso di accertare che, oltre ad aver occultato la maggior parte dei ricavi conseguiti nell’esercizio dell’attività, l'idraulico è risultato avere alle dipendenze tre lavoratori completamente in nero e due irregolari. È stato possibile ricostruire il volume degli affari dell’artigiano grazie alla copiosa documentazione extracontabile acquisita nel corso dell’attività ispettiva e alle risposte pervenute dai clienti dell’impresa a seguito dell’invio di appositi questionari. L’idraulico è stato segnalato all’Agenzia delle Entrate per il recupero dei tributi evasi e ed all'Inps, all'Inail e alla Direzione Provinciale del Lavoro per l'applicazione delle sanzioni in materia di lavoro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment