Piano regionale per le famiglie. Quarta tappa

Bari. Ritorna nel capoluogo il percorso itinerante della Regione. Al centro dell’incontro di oggi, l’accesso ai servizi socio-sanitari

BARI – Arriva alla quarta tappa il percorso per la costruzione partecipata del secondo Piano regionale per le famiglie pugliesi, “Famiglie al Futuro”. Il tema del tavolo di confronto previsto per oggi presso la sede dell’assessorato regionale all’Agricoltura è l’accesso ai servizi socio-sanitari. Ne discuterà l’assessora al Welfare Elena Gentile assieme a Ludovico Abbaticchio, assessore alle politiche sociali del Comune di Bari, Raffaele Tangorra, direttore generale per i diritti e l'inclusione sociale del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali, i dirigenti dei relativi servizi della Regione e del Comune di Parma. Dopo gli appuntamenti di Bari, Foggia e Lecce, si ritorna dunque a Bari per fare il punto sulle politiche nazionali e regionali relative all’”Accesso ai servizi socio sanitari, Isee regionale e quoziente familiare“. Regioni ed Enti locali si confronteranno sulle leve utili a sostenere il ruolo e le responsabilità familiari rispetto ai carichi di cura in condizioni particolari come la presenza di famiglie numerose, persone non autosufficienti, bambini. Sotto la lente d'ingrandimento della quarta giornata seminariale finiranno le modalità di accesso, i criteri di compartecipazione al costo delle prestazioni, le prassi di misurazione della capacità economica degli assistiti e dei nuclei familiari. Articolo correlato: La famiglia al centro. Convegno a Lecce (18 gennaio 2011)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!