Il Salento porta alla Bit la sua anima slow

Milano. Lentezza e relax. La terra salentina propone ai turisti di lasciar perdere l’orologio e concedersi un una vacanza lenta e riflessiva

MILANO – Solo chi conosce la terra salentina, con le sue infinite stradine tortuose e gli scorci di paesaggio che mozzano il fiato può capire che cosa significhi l’“andar lenti”. Il sole caldo dei pomeriggi, il delicato attardarsi ad osservare i mille colori di mattina di sole. La campagna “Salento Slow Life” intende invitare i futuri turisti a trascorrere le vacanze all’insegna della lentezza, creando una benefica pausa alla vita frenetica a cui la maggior parte delle persone sono sottoposte e permettendo così una rigenerazione seguendo più i ritmi biologici e naturali che quelli imposti dalle lancette. Il Salento è “slow” per vocazione. Tutte le attività autoctone del territorio, l’agricoltura, la pesca, l’artigianato, inducono inevitabilmente verso un atteggiamento lento e riflessivo. I benefici che si possono trarre dalla “slow life” sono numerosi. Insieme a tante altre informazioni e consigli relativi alla Salento Slow Life, sono consultabili sul sito creato appositamente per la Bit dagli studenti del movimento “Repubblica Salentina” di Lecce e raggiungibile all’indirizzo www.salentoslowlife.it. Un’altra novità che sarà presentata alla Fiera di Milano è “La Primavera del Salento” e intende valorizzare le ricchezze paesaggistiche, naturalistiche, architettoniche, archeologiche e culturali del territorio attraverso una rete di itinerari escursionistici tematici. Sono attualmente in corso di realizzazione, con opportune opere eco-compatibili di segnalamento, di indicazione e di informazione, i primi nove percorsi, tutti legati fra loro dal filo conduttore della conoscenza, della tutela e della fruizione sostenibile delle aree naturali protette della Provincia di Lecce. Il Salento, caratterizzato da numerose aree protette, possiede un’estrema varietà di ambienti naturali, che ospitano specie floreali appartenenti alla lista rossa nazionale e regionale, uccelli stanziali e migratori, anfibi e rettili. Anche la presentazione di questo progetto, insieme alla descrizione dei nove itinerari naturalistici, è consultabile sul sito www.salentoslowlife.it. E’ stato invece già presentato ieri il progetto “Salento Festival”. Il Festival sarà inaugurato il 13 luglio da Nicola Piovani e l'Orchestra Sinfonica della Fondazione Ico “T. Schipa” della Provincia di Lecce. Articolo correlato: Bit. Si parte (1 febbraio 2011)

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati