Scommesse illegali: sigilli a un'agenzia

Il gestore effettuava la raccolta delle scommesse da parte degli avventori, utilizzando account intestati a prestanome

Scoperto, dai Finanzieri della Compagnia di Gallipoli, un giro di scommesse clandestine on line, legate ad eventi sportivi. Il gestore di un’agenzia della provincia, nonostante fosse sprovvisto dell’autorizzazione prevista dalle leggi di Pubblica Sicurezza, attraverso il collegamento telematico, raccoglieva e gestiva le scommesse. Nel caso specifico, effettuava la raccolta da parte degli avventori, utilizzando account intestati a prestanome. Infatti, tali tipologie di scommesse possono essere effettuate, in maniera regolare, esclusivamente dai giocatori che utilizzano una postazione internet e dopo essersi preventivamente registrati nei relativi siti gestiti dai bookmaker telematici, attraverso l’utilizzo di un account personale con cui effettuare i pagamenti delle giocate e ricevere le eventuali vincite. I Militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Gallipoli, constatata la totale assenza delle autorizzazioni prescritte, hanno messo i sigilli su 4 personal computer e 3 stampanti termiche, oltre ad ulteriori 4 monitor. Il gestore è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Lecce per il reato di esercizio di scommesse clandestine.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati