Arrestato Parisi. Finisce la latinanza di un esponente della Scu

Lo hanno catturato i carabinieri di Brindisi ieri sera. Ricercato per associazione mafiosa, il suo nome era emerso nell'ambito di “Operazione Calipso”. L'ordinanza di custodia in carcere fu emessa dal Gip del Tribunale di Lecce, su richiesta della locale Procura della Repubblica – Distrettuale Antimafia

E' finita la latitanza di Tobia Parisi, di 30 anni, esponente brindisino della Sacra Corona Unita, colpito da un'ordinanza di custodia cautelare in carcere con l'accusa di associazione mafiosa finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, estorsioni e altro. Era ricercato per associazione mafiosa e i carabinieri lo hanno arrestato mentre assisteva alla partita di calcio Germania – Italia. Il suo nome era emerso nell'ambito dell'”Operazione Calipso” del 29 settembre scorso, quando i carabinieri del Ros e del Comando Provinciale di Brindisi eseguirono un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Lecce, su richiesta della locale Procura della Repubblica – Distrettuale Antimafia – nei confronti di 11 indagati per associazione mafiosa, associazione a delinquere finalizzata al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti ed estorsione, con l'aggravante del metodo mafioso. Tra questi, l'irreperibile Parisi. L'uomo, catturato dai militari del Reparto Operativo, è stato rinchiuso nel carcere di Brindisi.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati