Furto di energia elettrica. Arrestato

Surbo. L’uomo era già tenuto d’occhio dai carabinieri della Compagnia di Lecce

Surbo. E’ stato sorpreso ed arrestato per furto di energia elettrica. Mario Rosafio, 32enne di Squinzano, era già tenuto d’occhio dai carabinieri di Lecce. Stamattina i militari l’hanno tratto in arresto dopo aver sottoposto a controlli le sue fatturazioni ed aver riscontrato consumi irrisori. Pertanto, dopo appostamenti finalizzati a verificarne i movimenti, hanno deciso di procedere al controllo dell’appartamento del sorvegliato, operando assieme al personale tecnico dell’Enel. Una volta all’interno dell’appartamento (in via Togliatti, a Surbo) del sorvegliato speciale hanno scoperto una derivazione abusiva all’interno della cucina, che innestava direttamente sul cavo elettrico principale dello stabile, configurando così il furto di corrente. Dai primi accertamenti è emerso che l’illecito sarebbe in corso almeno dal 2007. Ma Rosafio è stato tratto in arresto anche per aver violato gli obblighi imposti ai sorvegliati speciali. I controlli a carico di Rosafio rientrano nel programma di intensificazione delle verifiche, disposte dalla Compagnia Carabinieri di Lecce, nei confronti di soggetti vicini agli ambienti della criminalità, potenzialmente coinvolti con le rapine commesse nel comprensorio leccese degli ultimi tempi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!