Sanità. Greco a Fiore: ‘Quando il Testo Unico’?

L’interrogazione del consigliere de La Puglia prima di tutto

Il Governo regionale non sarebbe in grado di dare risposte certe ai cittadini in materia sanitaria. L’accusa nei confronti della Giunta Vendola viene da Salvatore Greco, consigliere regionale della Puglia prima di tutto, che in una interrogazione rivolta a Tommaso Fiore, assessore regionale alla Sanità, ha chiesto conto del Testo Unico delle norme in materia sanitaria “promesso da Vendola nel suo primo Piano di salute” ed atteso da più di quattro anni. “Tra quanto vedrà la luce – chiede Greco – e a che cosa serviranno i soldi messi in bilancio con questo obiettivo, a dicembre scorso”? Il riferimento di Greco e alla legge 25/2006 con cui la Giunta si impegnava a predisporre il Testo unico delle norme sanitarie entro 18 mesi, “il che significa – aggiunge – che entro la fine del 2007 sarebbe dovuta arrivare all'attenzione del Consiglio regionale il relativo disegno di legge” e al Dief (il Documento economico-funzionale della sanità) dello scorso dicembre, nel quale venivano stanziati 50mila euro per “finanziare la realizzazione del testo unico, ovvero altre consulenze a professionisti esterni”. Da qui la interrogazione all'assessore Fiore perché spieghi “come la giunta intenda spendere quei soldi, scegliendo chi e sulla base di quali criteri, e soprattutto in quanto tempo prevede di adempiere a un impegno per il quale è già in forte ritardo rispetto ai tempi che pure era stato lo stesso governo regionale a darsi. Leggere gli impegni che Vendola ha preso di volta in volta, nei sei anni ormai trascorsi, in materia di sanità – conclude Greco – è desolante: il candore con cui oggi vengono riproposte le stesse promesse di sei anni fa, come se fosse stato eletto appena ieri, è la beffa che si unisce al danno dell'incapacità di dare risposte alle esigenze di salute dei pugliesi, da parte di questa giunta e della sua maggioranza”. Articoli correlati: Piano di rientro sanitario. Le commissioni approvano Piano di rientro sanitario. Infiammano le polemiche Leggi il numero del Tacco di dicembre, dedicato al Piano

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!