Abbandono di rifuti: scatta l'ecotassa

I controlli della finanza hanno permesso di rinvenire materiale di risulta, rottami di ferro, dischi di frizione e copertoni

In questi giorni, i Finanzieri della Tenenza di Maglie hanno portato a termine una serie di interventi a tutela dell’ambiente effettuati presso quelle aziende i cui processi di lavorazione determinano la produzione di rifiuti. I controlli sono stati indirizzati nei confronti di gestori di impianti di stoccaggio di rifiuti, imprese edili, marmerie, meccanici e carrozzieri, nonché nei confronti di coloro che abbandonano, scaricano ed effettuano deposito incontrollato di rifiuti. In particolare, le Fiamme Gialle hanno controllato alcune imprese operanti nei comuni di Sogliano Cavour, Melpignano, Corigliano d’Otranto, Maglie, Cutrofiano, Nociglia, attraverso sopralluoghi effettuati sia all’interno delle imprese che nelle aree di pertinenza delle stesse. I controlli hanno permesso di rinvenire materiale di risulta, rottami di ferro, dischi di frizione, copertoni ed altre tipologie di rifiuti. Tale materiale, rinvenuto in stato di totale abbandono, ha fatto scattare nei confronti dell’utilizzatore e, in mancanza, nei confronti del proprietario del terreno su cui insisteva la discarica, il presupposto per l’applicazione del tributo “ecotassa” che andrà a confluire nelle casse della Regione Puglia e per una percentuale in quelle della Provincia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!