Adoc: apre a Martano un nuovo sportello

L'obiettivo è rafforzare l'azione sul territorio salentino per la difesa dei diritti dei consumatori e dei cittadini

Apre a Martano, nel cuore della “Grecìa Salentina”, un nuovo sportello Adoc al servizio dei cittadini. L’esigenza di aprire un nuovo punto di ascolto e di consulenza, che si aggiunge alla sede Adoc Provinciale di Lecce, nasce dall’idea di venire incontro al sempre crescente numero di persone che si rivolgono all’associazione per chiedere un aiuto nel risolvere le piccole e grandi problematiche che si presentano quotidianamente nell’ambito del consumo. Problemi con gli operatori della telefonia (sempre presenti nell’offrire nuovi servizi ma mai reperibili per poterli disdire!), garanzie contrattuali che non vengono rispettate, bollette di luce acqua e gas che sembrano lievitare ogni mese, aumento dei tassi di interesse dei finanziamenti e, non ultimi, i recenti crack finanziari: questi sono solo alcuni dei temi “caldi” che preoccupano i cittadini!. Ma sul campo è anche il tema sempre attuale della vivibilità urbana: Adoc è diventata il punto di riferimento per migliaia di cittadini che segnalano, stimolano, suggeriscono, propongono nuove e migliori soluzioni per vivere meglio all’interno della propria comunità, diventando un’indispensabile interfaccia tra il cittadino e le Pubbliche Amministrazioni. Da oggi, quindi, anche una sede decentrata Adoc, presidiata da un legale specializzato, l’avvocato Carlo Luceri, fornirà chiarimenti, assistenza e consigli su tutte le tematiche del consumo, e diventerà presto un punto di riferimento sicuro per i problemi e le segnalazioni dei cittadini residenti in tutta l’area dei comuni della Grecìa Salentina. Il nuovo sportello di Martano, Via Manzoni 17, è aperto il mercoledì ed il venerdì dalle ore 15.30 alle ore 20.30 e risponde al numero telefonico 0836.505357 – e. mail: [email protected]

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!