Apre a Nardò 'Capelli d'autore'.

Gabellone e Ferrarese inaugurano oggi una scuola per estetisti e acconciatori che dà possibilità di lavoro ai giovani del Salento

Unica nel suo genere, oggi, 16 gennaio, prende il via a Nardò (via Puglia 25/D – ore 18) l'attività di “Capelli d'autore”, un'accademia e scuola professionale per acconciatori ed estetisti riconosciuta dalla Regione Puglia e dalla Provincia di Lecce. Grazie a questa iniziativa gli allievi otterranno, al termine del triennio scolastico, il diploma di acconciatore o il diploma di estetista e potranno, da subito, svolgere la propria attività lavorativa in Italia o all'estero. “Capelli d'autore” è anche Accademia e si rivolge ai professionisti del settore bellezza offrendo corsi di taglio, colore, acconciatura, seminari tecnici, show moda, gestione saloni, corsi nails, corsi di trucco, managment spa, corsi massaggi, corsi di ristrutturazione unghie ed altro ancora. Capelli d'autore, in questo modo, arricchisce la città di Nardò e tutti i Comuni limitrofi di un'attività non presente nella zona ionico salentina e nel basso Salento e offre ai ragazzi la possibilità di crearsi, in breve tempo, una professione autonoma e redditizia. A chi già opera nel settore, invece, la possibilità di aggiornarsi a “km zero” avvalendosi dell'esperienza trentennale dei direttori dell'Accademia. Locali immensi, sale di prova, spazio per le sfilate, una moderna reception e, soprattutto, grandi saloni con attrezzature nuove e funzionali sui quali gli studenti possono effettuare tutte le attività connesse alla professione. Taglio del nastro da parte dei presidenti delle Province di Lecce e Brindisi, Antonio Gabellone e Massimo Ferrarese. Intervengono l'onorevole Totò Ruggeri, l'assessore provinciale alle Politiche del lavoro Ernesto Toma, i consiglieri provinciali Giovanni Siciliano e Cosimo Frasca. Forze imprenditoriali neritine e brindisine con esperienza trentennale nel settore in campo per portare in porto un progetto molto ambizioso che punta a formare professionalità e imprenditoria.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!