Piano regionale del Lavoro. Baldassarre: ‘Un luna park’

Secondo l’europarlamentare la nuova manovra presentata dal governo Vendola metterebbe in campo tanti soldi ma poche strategie efficaci, mancando di una visione chiara

“L’obiettivo è altissimo, forse troppo, perché per raggiungerlo non bastano i soldi”. Non si dilunga in eccessivi giri di parole Raffaele Baldassarre, europarlamentare, nel commentare il Piano regionale del lavoro 2011 presentato pochi giorni fa da Vendola. L’esponente politico del Pdl non critica la manovra nei suoi contenuti, anzi la giudica “un fatto meritevole, ma – aggiunge – rischia di assomigliare a un grande luna park dove nessuno ha la chiave per entrare”. “Questo governo della Puglia – continua Baldassarre – ci ha già abituati a voli pindarici che a hanno avuto di concreto e serio e se non si chiarisce cosa c’è dietro al finanziamento il Piano per il Lavoro rimane solo un annuncio in pompa magna”. Secondo Baldassarre, oltre all’importante stanziamento la Regione avrebbe dovuto precisare in quali settori e con quali interventi si potranno canalizzare le risorse. “Non bastano i fondi a disposizione – conclude -; lo sviluppo e la crescita economica si prefigurano attraverso la programmazione e la strategia, proprio quello che appare un po’ troppo nebuloso in questo piano. Un punto sembra più chiaro ed è quello che si riferisce alle attività di formazione e di apprendistato, ma in questo non mi pare che vi siano elementi di straordinaria novità, specie in un settore che ha già sofferto di smentite nei fatti, una volta verificata la reale capacità di orientamento di tali attività in prospettiva lavorativa e occupazionale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!