Edilizia: in Puglia 6 aziende irregolari e 1.619 lavoratori a nero

Ispezioni 2010 al Sud. Monitorati appalti pubblici e privati per la verifica delle condizioni di tutela del lavoro

Un 2010 di controlli nel settore edile, secondo quanto stabilito dal “Piano straordinario di vigilanza per l'agricoltura e l'edilizia nelle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia”, approvato lo scorso 28 gennaio dal Consiglio dei Ministri, e portato avanti, da marzo a dicembre, dagli ispettori del Ministero del lavoro e delle politiche sociali (Dpl e Comando Carabinieri Tutela del Lavoro), degli Enti previdenziali (Inps e Inail) e delle Forze dell'Ordine (Guardia di Finanza, Polizia di Stato, Arma Territoriale dei Carabinieri). Le ispezioni hanno riguardato sia gli appalti pubblici, che privati, soprattutto per la verifica delle condizioni generali di tutela del lavoro e del rispetto della disciplina in materia di prevenzione degli infortuni e di sicurezza sul lavoro nei cantieri dislocati nelle aree geografiche interessate al Piano. Secondo quanto riferisce oggi il ministero del Lavoro, l'obiettivo delle 7.724 aziende edili da ispezionare, nei territori considerati, previsto dal Piano, è stato realizzato e ampiamente superato, in quanto il numero di imprese complessivamente ispezionate è stato pari a 10.958. Dagli accertamenti svolti sono emerse irregolarità nei confronti di 6.812 aziende che rappresentano il 62% di quelle ispezionate. I lavoratori irregolari sono risultati 7.565, di cui il 53% è stato occupato in nero (4.037 lavoratori). Il numero dei provvedimenti di sospensione adottati è di 1.196, con una percentuale di revoche pari al 78% (932 provvedimenti revocati). Consistente il numero di violazioni in materia di sicurezza, pari a 7.881 illeciti accertati. In particolare, la Calabria è la regione con la più alta percentuale, il 75%, di aziende irregolari sul totale di quelle controllate con 1341 violazioni accertate in materia di salute e sicurezza nei cantieri. Seguono Puglia e Campania, entrambe con 6 aziende irregolari su 10 fra quelle controllate e 1.619 lavoratori totalmente in nero e 7230 posizioni previdenziali indebite, la prima, 2.289 lavoratori totalmente in nero e 3.717 violazioni di salute e sicurezza, la seconda. Infine, la Sicilia, dove sono risultate fuori norma il 48% delle aziende edili controllate.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!