Impatto frontale: muore diciannovenne

Incidente mortale avvenuto ieri sera sulla strada che da Ruffano conduce a Casarano. Gravi le condizioni di altre 2 persone coinvolte

Torna a scorrere sangue sulle strade del Salento. Il primo incidente mortale del 2011 è avvenuto ieri sera sulla strada che da Ruffano conduce a Casarano, quasi all’ingresso della cittadina del basso Salento. A perdere la vita è stato un ragazzo di soli 19 anni, Pasquale Samuele Paradisi. Erano circa le 22.30 quando l’autovettura su cui viaggiava la vittima, una Ranault Scenic, si è scontrata, per cause da ancora da accertare, con un altro veicolo che viaggiava in direzione opposta, una Fiat Punto. L’impatto frontale è stato violentissimo, per il 19enne non c’è stato a da fare: è morto sul colpo. Giunti sul posto, pochi minuti dopo il terribile incidente, i medici del 118 non hanno potuto far altro che costatare il decesso del ragazzo. Sul posto sono accorsi anche i vigili del fuoco, che hanno dovuto lavorare a lungo per estrarre il corpo rimasto incastrato tra le lamiere dell’auto. A rendere ancora più tragico il bilancio dell’incidente sono le gravi condizioni in cui versano altri due ragazzi coinvolti nell’impatto, di età compresa tra i 20 e i 27 anni. I due, trasportati d’urgenza dalle ambulanze del 118, si trovano ora ricoverati nell’ospedale “Ferrari” di Casarano. La quarta persona coinvolta nell’incidente ha subito ferite ha subito fortunatamente ferite meno gravi. I rilievi sul luogo dell’incidente sono stati compiuti dai carabinieri della locale Compagnia, ora al lavoro per ricostruire la dinamica dei fatti. Non è escluso che ulteriori accertamenti possano essere effettuati sull’auto della vittima.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!