'Città Aperte' durante l’Epifania

Dal 3 al 9 gennaio in viaggio, alla scoperta dei più bei tesori architettonici di Lecce, Specchia e Galatina

Il Salento si scopre in tutta la sua autenticità, grazie a “Città Aperte 2011”, il programma di accoglienza turistica promosso dall’Assessorato al Mediterraneo, Cultura e Turismo della Regione Puglia e organizzato dall’Azienda di Promozione Turistica della provincia di Lecce. Dal 3 al 9 gennaio, a cavallo dell’Epifania, le sezioni di “Città Aperte”: “Passeggiate per città” e “Passeggiate per tutti” offrono l’occasione, per conoscere quell’avvicendarsi di sacro e profano, di grande e piccolo, che si chiude in un unico nome: Salento. Tra palazzi nobiliari, edifici sacri e case a corte, si respira l’aria di un tempo presente, ma fermo nel passato in una dimensione surreale che sorprende e poi avvolge. Gli appuntamenti vanno oltre ogni barriera fisica e si aprono a tutti: autorevole dimostrazione che la cultura non ha confini. Per “Passeggiate per città”, si segnalano tre appuntamenti gratuiti con guida dalle ore 16 alle 18 a Lecce, Specchia e Galatina. La lunga passeggiata inizia lunedì 3 gennaio a Lecce. Nella città di sant’Oronzo, archeologia e architettura rendono ogni angolo urbano uno scrigno di arte e bellezza. Dalla Sybar messapica alla Lupiae romana, alla Lecce rinascimentale, barocca, rococò e neoclassica, il viaggio si tinge dei colori della pietra leccese impreziosita dai drappi e ghirlande dello Zimbalo e del Manieri. L’appuntamento è presso l’ufficio Iat in Corso Vittorio Emanuele, 24 (Info e prenotazioni: 0832.248092). Mercoledì 5 gennaio, l’appuntamento è in piazza del Popolo a Specchia, uno dei Borghi più belli d’Italia. Un piccolo museo all’aperto dove il possente maniero dei Protonobilissimo-Risolo, ingentilito dalla raffinata balconata che corre lungo il perimetro, sorveglia la semplicità delle tortuose viuzze: fra corti e frantoi ipogei si cela l’antica quotidianità salentina, unita nella vita sociale quanto in quella lavorativa (Info e prenotazioni: 328.8189697). Domenica 9 gennaio, la sosta è a Galatina. Il centro di san Pietro e Paolo incanta anche il più distratto visitatore. Nella provincialità degli stili architettonici, la città “tarantolata” esibisce un parterre tra i più belli dell’Antica Terra d’Otranto. È un continuo susseguirsi di agorà e “strittule”, annunciate da mignani, portali e balaustre: le testimonianze lapidee della secolare storia cittadina. Per questo, vale la pena immergersi nel silenzio eloquente delle sue mura. Punto di partenza e di arrivo è l’ufficio I.A.T di via Vittorio Emanuele (Info e prenotazioni: 0836.569984). “Passeggiate per tutti”, la sezione tematica dove l’accessibilità è veicolo di uguaglianza ed equità, prevede per venerdì 7 gennaio, un tour a Lecce, dalle ore 16 alle 18. L’iniziativa, progettata in collaborazione con l’associazione Anyway prevede anche luoghi di sosta, di acquisto e servizi accessibili. Il percorso parte dallo Iat di Corso Vittorio Emanuele 24, per visitare piazza sant’Oronzo, piazza Duomo, palazzo Rollo e Carafa, il chiostro dei Teatini, le chiese di sant’Irene, santa Chiara, Buon Consiglio e santa Croce, piazzetta Tancredi e gli scavi archeologici in piazzetta Castromediano (Info e prenotazione: 0832.248092). Alla lunga kermesse, si affiancano tutte le manifestazioni organizzate nel Salento. Dagli itinerari presepistici gratuiti, offerti dall’Associazione intercomunale “Città dei Presepi” (capofila Comune di Lecce) e dall’Apt di Lecce dal 21 dicembre al 6 gennaio, agli innumerevoli eventi organizzati dalle Amministrazioni comunali in sintonia con gli imprenditori e le associazioni del territorio. Ovunque, insomma, si respira un’aria diversa, carica di significato, legata proprio alla magia della festa.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!