Guidava un carro di onoranze funebri senza patente

Lecce. Il conducente ha anche dichiarato ai finanzieri un falso nome, sostenendo di chiamarsi Ermanno

Denunciato a piede libero dai Finanzieri di Lecce, per guida senza patente e false generalità. A finire nei guai, un uomo della provincia. L’episodio è avvenuto ieri quando, nei pressi di Viale Lo Re, a Lecce, una pattuglia di finanzieri ha fermato un furgone delle onoranze funebri condotta da un salentino che zigzagava nel traffico congestionato. L’uomo é stato fermato delle Fiamme Gialle nei pressi di Viale Lo Rè. Il conducente, 30enne originario di Surbo, oltre a non avere la patente di guida al seguito, ha dichiarato ai Finanzieri un falso nome, sostenendo di chiamarsi Ermanno (vero nome del fratello che in quel momento non era presente). Nella circostanza, l’uomo dichiarava ai Militari di essere sprovvisto di documento d’identità e di aver dimenticato la patente di guida a casa. A quel punto, essendo emersi elementi che facevano dubitare della veridicità delle dichiarazioni rese, veniva accompagnato presso la propria abitazione per consentire al soggetto di recuperare ed esibire i documenti richiesti. L’uomo ha poi confessato ai finanzieri di non aver mai conseguito la patente di guida e di aver dato il nome del fratello nella speranza di fare esibire successivamente, a quest’ultimo la patente di guida, sfruttando la forte rassomiglianza tra i due. Il responsabile è stato quindi denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lecce per false generalità e guida senza patente perché mai conseguita e, inoltre, dovrà pagare una multa di oltre mille euro. Il furgone sottoposto a fermo amministrativo, veniva consegnato al fratello Ermanno, quale legittimo proprietario.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!