La 'Festa de lu focu' a Zollino

Il 28 dicembre, a partire dalle 19, si ballerà, si degusteranno piatti tipici e si berrà buon vino. Finchè fuoco arderà

Nacque da un’idea di Giovanni Pellegrino, ex presidente della Provincia di Lecce, la prima edizione de la “Festa de lu focu”, che si svolge ogni anno, il 28 dicembre, a Zollino. Gestita per anni dall’associazione culturale “Bottega del Teatro” e, successivamente, ereditata dall’associazione “Festa de lu focu” – nata ad hoc per il progetto – la festa si pone l'obiettivo della salvaguardia dei valori dell’identità salentina, attraverso gli ingredienti classici: sapori, musica, lo stare insieme e divertimento attorno al fuoco. A partire dalle 19, l’antico largo Lumardu si popola di giocolieri, saltimbanche e musici, di riti e balli ritmati dai tamburelli. Sul palco, quest'anno, gli Alla Bua e la pizzica. Per ballare finchè c’è fuoco che arde. Il tutto accompagnato da buon vino e dal profumo della “sceblasti”, la puccia tipica di Zollino impastata con farina, sale, olio, olive nere, zucchine, pomodori, capperi e peperoncino; i legumi alla “pignata”, cotti sul fuoco a legna, e ancora, “pittule”, “pezzetti” e arrosti. In caso di maltempo, la festa è rinviata a mercoledì 29.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!