La 'Festa de lu focu' a Zollino

Il 28 dicembre, a partire dalle 19, si ballerà, si degusteranno piatti tipici e si berrà buon vino. Finchè fuoco arderà

Nacque da un’idea di Giovanni Pellegrino, ex presidente della Provincia di Lecce, la prima edizione de la “Festa de lu focu”, che si svolge ogni anno, il 28 dicembre, a Zollino. Gestita per anni dall’associazione culturale “Bottega del Teatro” e, successivamente, ereditata dall’associazione “Festa de lu focu” – nata ad hoc per il progetto – la festa si pone l'obiettivo della salvaguardia dei valori dell’identità salentina, attraverso gli ingredienti classici: sapori, musica, lo stare insieme e divertimento attorno al fuoco. A partire dalle 19, l’antico largo Lumardu si popola di giocolieri, saltimbanche e musici, di riti e balli ritmati dai tamburelli. Sul palco, quest'anno, gli Alla Bua e la pizzica. Per ballare finchè c’è fuoco che arde. Il tutto accompagnato da buon vino e dal profumo della “sceblasti”, la puccia tipica di Zollino impastata con farina, sale, olio, olive nere, zucchine, pomodori, capperi e peperoncino; i legumi alla “pignata”, cotti sul fuoco a legna, e ancora, “pittule”, “pezzetti” e arrosti. In caso di maltempo, la festa è rinviata a mercoledì 29.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati