Minervini: 'abbattere i tempi di percorrenza tra Lecce e Bari'

L'assessore regionale alle Infrastrutture ha intenzione di portare aventi un’iniziativa politica per il rilancio della centralità della dorsale adriatica

Per affrontare la disomogeneità dell’offerta di Trenitalia, in particolare riguardo la velocità e la qualità dei treni, il governo regionale ha intenzione di portare aventi un’iniziativa politica per il rilancio della centralità della dorsale adriatica. Lo ha detto l’assessore alle infrastrutture strategiche della Regione Puglia, Guglielmo Minervini. Nello specifico, le linee ad alta velocità ferroviaria sviluppate da Rfi (Rete ferroviaria italiana) corrono lungo la dorsale tirrenica e questo sta penalizzando e continuerà a penalizzare la Puglia nei collegamenti di lunga percorrenza. “È in corso un’istruttoria di concerto con Rfi – spiega Minervini – attraverso la quale stiamo individuando la tipologia di interventi necessari per la velocizzazione della linea. Non si tratterebbe propriamente dell’alta velocità ma di interventi infrastrutturali alla rete ferroviaria consistenti in adeguamenti tecnologici, rinnovo armamento e rettifiche di tracciato che permetterebbero ai treni di viaggiare anche oltre i 200km orari. L’importo ad oggi stimato tuttavia è superiore al miliardo di euro, con quattrocento milioni di euro si fermerebbe solo a Termoli. L’intera opera invece permetterebbe un risparmio complessivo dei tempi di percorrenza sulla Lecce-Bologna di quasi un’ora”. Ma l’assessore alle infrastrutture dice di voler andare fino in fondo: “Quando avremo completato l’istruttoria di fattibilità ho intenzione di avviare un’iniziativa politica per condividere e sostenere questo piano di interventi infrastrutturali con tutte le regioni rivierasche e ottenere un assenso da parte del Ministero delle infrastrutture”. Poi Minervini chiarisce la questione che riguarda direttamente la Puglia, ovvero il capolinea dell’alta velocità a Bari o a Lecce: “Questo genere di interventi si possono realizzare a stralci e un primo stralcio potrebbe riguardare proprio il tratto relativo alla Puglia tra Lecce e Bari, che abbatterebbe i tempi di percorrenza tra le due città e servirebbe anche il raccordo con la linea tirrenica. Stiamo completando uno studio di fattibilità che qualora risultasse positivo abbiamo intenzione di indicarlo subito tra le priorità del Piano per il Sud”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!