Koreja: un book di Cartoline delle Puglie

Si tratta di un progetto editoriale firmato da Guidone Apulia Factory, finanziato dalla Regione Puglia

Domenica 19 dicembre alle ore 18.30 appuntamento nel foyer dei Cantieri Koreja con “Cartoline delle Puglie”, un progetto editoriale firmato da Guidone Apulia Factory, gruppo emerso dalla fucina di Principi Attivi, finanziato dalla Regione Puglia. Tra gli obiettivi del gruppo primeggia la volontà di disegnare una Puglia contaminata nei generi e nei linguaggi e proiettata verso una comunicazione globale, anche contando sulla creazione di una linea di souvenir d’autore. Si comincia con delle cartoline, riunite in un book, ma perfettamente staccabili e utilizzabili per la spedizione, curate da Fabrizio Bellomo con Giuseppe De Mattia e Maria Guidone che verrà presentato a Lecce e a Galatina. Dodici fotografi, Fabrizio Bellomo, Marco Calò, Riccardo Campanale, Davide Cassano, Giuseppe De Mattia, Giuseppe Canizza, Michela Frontino, Domingo Milella, Luigi Minerva, dott. Porka’s p-proj Saverio Scattarelli, Francesca Speranza, sono stati coinvolti nell’impresa di realizzare un repertorio d’immagini lontane dagli stereotipi visivi della nostra regione. Sicuramente non è una Puglia turistica, né una location patinata per set cinematografici o pubblicitari ma una terra piena di contraddizioni, degrado e violenza. Ne emerge un repertorio d’immagini molto lontane dal concetto di “cartolina”, una Puglia invisibile ma non per questo meno amata perché come sostiene Fabrizio Bellomo “mostrare l’invisibile non è necessariamente una critica ma un gesto di amore verso una terra che si conosce profondamente anche negli anfratti più nascosti e fuggenti”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!