Terra d’Arneo: in prima linea contro la fame nel mondo

Veglie. Fissata per oggi la firma del Protocollo d’Intesa con il Comitato Italiano Wfp – Pam. Mobilitato il sistema delle aziende locali a sostegno delle iniziative

Il Gal Terra d’Arneo mobilita il sistema delle aziende locali a sostegno delle iniziative di contrasto alla fame nel mondo e per la sicurezza alimentare. È fissata infatti per oggi, alle ore 10.30, presso la sala conferenze del Comune di Veglie, sita nella struttura fieristica di via Salice Salentino, la firma del protocollo d’intesa con il Comitato Italiano Wfp – Pam (World Food Programme – Programma Alimentare Mondiale), la più grande struttura delle Nazioni Unite, impegnata nelle attività di informazione e sensibilizzazione sul tema della fame nel mondo e nella raccolta fondi per gli aiuti alimentari destinati alle popolazioni povere. Nello specifico l’intesa riguarderà la promozione, diffusione e sostegno del progetto “Wfp in Azienda: aggiungi un pasto a tavola”. Per l’occasione infine è stata promossa, in collaborazione con Scuola Secondaria di I° Grado – Don Innocenzo Negro di Veglie e con il Pam, una tavola rotonda dal tema “La fame nel mondo e lo sviluppo sostenibile”, rivolta agli studenti delle classi terze e a tutte le aziende e cittadini del comprensorio dell’Arneo che intendono conoscere e mobilitarsi contro la più grande minaccia dell’umanità: la fame. All’incontro interverranno Sandro Aprile, sindaco di Veglie, Antonio Saponaro, Dirigente Scolastico, Vincenzo Pirato, Presidente del Comitato Italiano Pam – Regione Puglia e il Presidente del Gal, Cosimo Durante. A tal proposito il Presidente Durante ha affermato “La Terra d’Arneo intende essere in prima linea contro la più drammatica emergenza umanitaria che coinvolge più di 850 milioni di persone in tutto il mondo; faccio un sentito e accorato appello a tutte le aziende, le Municipalità, le scuole, le associazioni e cittadini del comprensorio affinché possano sostenere con amore, facendo un gesto di solidarietà, la campagna aggiungi un pasto a tavola ”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!