L’obiettivo di Bolognini ferma una 'splendida' Lecce

Il nuovo libro fotografico edito dalla “Aus Edizioni” è, in questi giorni, in libreria

Quando l'ombra cade nel punto giusto ecco il momento magico per fermare l’obiettivo su una Lecce splendida. Che sia una chiesa, una piazza, un angolo barocco. L’obiettivo è quello di un Maestro della fotografia: Pierluigi Bolognini. Il libro è “Lecce, che spettacolo!”; la casa editrice “Aus Edizioni” di Adele Urso e Giuseppe Vetere. Ancora una iniziativa editoriale patinata, curata con la stessa qualità e la stessa meticolosità del la prima iniziativa editoriale “Salento, che spettacolo!”, sempre Pierluigi Bolognini che con la stessa personalissima tecnica in quel volume fermava un magico Salento. Il volume è corredato dai testi curati dalla dottoressa Francesca Ruppi. Un’introduzione al volume di Antonio Cassiano, direttore del Museo “Sigismondo Castromediano”, che parla di, “scatti irripetibili di chi coglie e vede quelle novità che solitamente sfuggono all’osservatore, e non solo in quei particolari che possono sembrare insignificanti e non lo sono, ma anche in quelle immagini che per il loro ripetuto uso rappresentano quasi i 'luoghi comuni' con cui la città viene presentata”. Un libro che, come sottolinea l’assessore alla Cultura, Spettacolo, Turismo del Comune di Lecce, Massimo Alfarano, contribuisce in maniera eccellente alla promozione e alla valorizzazione del nostro territorio. “Una Lecce immersa nella sua quotidianità, in cui la stratificazione storica, artistica e tradizionale, che ha plasmato la vita di questo centro, è l’aspetto principale della forte identità territoriale”.

Massimo Alfarano- Assessore Cultura, Spettacolo, Turismo Comune di Lecce from Salento Quotidiano on Vimeo.

Momento della Conferenza Stampa-Antonio Cassiano from Salento Quotidiano on Vimeo.

Francesca Ruppi-Curatrice dei testi “Lecce che spettacolo!” from Salento Quotidiano on Vimeo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!