Nardò – Galatone: i lavori possono partire

Lo stabilisce il Tar di Lecce che rigetta la richiesta di sospensiva delle procedure d’appalto della Provincia, avanzata da aziende ricorrenti

I lavori per la Nardò – Galatone possono partire. Lo hanno stabilito i giudici amministrativi del Tar di Lecce, che hanno rigettato la richiesta di sospensiva delle procedure d’appalto della Provincia di Lecce, avanzata da alcune aziende ricorrenti che non hanno trovato soddisfazione personale nelle risultanze della gara. A darne notizia è il consigliere provinciale Mino Frasca, che osserva “come l’importante arteria sia centrale nello sviluppo infrastrutturale di Nardò e delle comunità vicine, ma si renda strategica anche per tutto il sistema viario dell'arco jonico-salentino. La cantierizzazione della Nardò – Galatone e la sua messa in sicurezza in una sede stradale ampia, confortevole e sicura, con un ingente investimento da parte della giunta Gabellone (4 milioni di euro), consentirà poi anche al sistema economico e produttivo di Nardò di riprendere quota in questo difficile momento di crisi economica globale”. Soddisfazione viene espressa anche dall’assessore provinciale ai Lavori Pubblici Massimo Como, che invece si concentra “sull’immediatezza dell’avvio dei lavori, con la prossima apertura dei cantieri per realizzare l’opera nel più breve tempo possibile”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!