Confindustria Lecce: Fatano presidente industrie alimentari

Molteplici i temi da affrontare, tra cui promozione delle tipicità, sostegno al turismo, internazionalizzazione, apertura con le realtà confindustriali del nord

Si è svolta l’Assemblea della Sezione Alimentare di Confindustria Lecce, che ha proceduto all’elezione del presidente e degli organi della Sezione. All’unanimità, è stato eletto presidente, per il prossimo triennio, Roberto Fatano, amministratore e vicepresidente di Interfrutta Spa, già delegato all’Internazionalizzazione di Confindustria Lecce e componente del Direttivo della Commissione Internazionalizzazione di Confindustria Puglia. Fatano conta su un’esperienza associativa importante che lo ha visto impegnato su più fronti: presso il Ministero dello Sviluppo Economico a Roma, in qualità di membro tecnico del Cipe; nell’ambito del progetto di Area Vasta del Comune di Lecce e Casarano, come coordinatore del Gruppo di Lavoro sull’Internazionalizzazione e lo Sviluppo Locale; è componente del Gruppo di Lavoro della Commissione Dogane nazionale, in rappresentanza di Confindustria, oltre ad essere nel Comitato di programmazione di “Milano Expo 2015”; è membro della Commissione Affari internazionali di Confindustria. E’ promotore della costituenda Banca dello Sviluppo e del Lavoro. Dopo aver ringraziato i colleghi per la fiducia accordatagli il presidente Fatano ha rivolto un saluto al past president della Sezione, Piernicola Leone de Castris: “Sento di dover rivolgere un ringraziamento al collega Piernicola, il quale, nonostante gli impegni aziendali notevoli, ha lavorato molto, in questi quattro anni, per promuovere l’industria agroalimentare salentina a livello locale e nazionale. Parto da qui, allora, per continuare e, spero, migliorare quanto fatto finora”. “Credo, infatti, che il prossimo mandato – continua il neo presidente – debba essere una naturale prosecuzione della presidenza de Castris, che è sempre stata improntata allo spirito di collaborazione ed all’impegno generale di tutti, con l’obiettivo di contemperare le diversità di pensiero e di puntare ad un confronto sano e costruttivo”. Fatano ha, poi, illustrato le linee guida del suo programma. “Molteplici sono i temi che dovremo affrontare nel prossimo mandato – spiega. Dalla forte promozione delle nostre tipicità all’internazionalizzazione ed agli strumenti di sostegno dell’agroalimentare; dai distretti produttivi agroalimentari ai rapporti con la distribuzione organizzata ed alle interrelazioni con settori quali il turismo e la comunicazione; dalle problematiche tipiche della filiera (creditizie, finanziarie, aziendalistiche, consortili) all’opportunità di stipulare contratti di lavoro “ad hoc”, per le imprese agroalimentari salentine e pugliesi in generale; dall’apertura con le realtà confindustriali del nord per favorire lo scambio di esperienze ed opportunità, ai rapporti con la pubblica amministrazione regionale, provinciale e comunale”. “Auspico – conclude Fatano – che su tali tematiche ci possa essere un proficuo confronto all’interno della Sezione per individuare tutti insieme ulteriori priorità o azioni specifiche da portare avanti per il progresso e la crescita sociale, civile ed economica del nostro territorio”. L’Assemblea ha proceduto anche al rinnovo delle cariche interne alla Sezione: Raffaele Cazzetta, Concorzio Cazzetta, è stato eletto vicepresidente. Nel Consiglio di Sezione, insieme al presidente e al vicepresidente, siederanno: Giuseppe Ancora, Alpak srl; Fernando Primiceri, Primoljo; Antonio Quarta, Quarta Caffè; Giuseppe Maria Ricchiuto, Sandemetrio srl; Maurizio Zecca, Mebimport; Elena Georgopoulos, Le Saittole; Fortunato Guadalupi, L’Aia Vecchia srl; Alfredo De Pasquale, Comind; Chiara Montefrancesco, Valentino Caffè. Delegati in Giunta: Piernicola Leone de Castris, Azienda Leone de Castris; Filippo Tandoi, Pastificio Tandoi Spa. La delega per la Commissione Internazionalizzazione è stata affidata a Marcello Apollonio, Apollonio Vini, e quella per la Piccola Industria a Lisella Dal Porto, Pralina.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!