Deposito illegale di fuoci pirotecnici. Dai domiciliari va in cella

Trovata, nel corso di una perquisizione a Lecce, una grande quantità di cartoni contenenti materiale pirotecnico proibito

Nel pomeriggio di ieri, gli agenti delle volanti del capoluogo salentino, hanno tratto in arresto, Michael Virgulto, cittadino leccese di 20 anni, in esecuzione all’ordinanza di sostituzione della misura degli arresti domiciliari con quella della custodia in carcere, emessa dal Gip presso il Tribunale di Lecce, Annalisa De Benedictis. La decisione è scaturita dai fatti che si erano verificati nei giorni scorsi, quando, nel corso di una perquisizione presso una palazzina in via Pistoia a Lecce, estesa anche ai locali di pertinenza delle abitazioni posti sul terrazzo, i poliziotti hanno notato un’ingente quantità di cartoni contenenti varie confezioni di fuochi pirotecnici di genere proibito. La proprietaria del deposito ha affermato che i fuochi appartenevano al proprio compagno. I militari, contestualmente, hanno constatato che il deposito non presentava alcuna delle caratteristiche richieste dalle norme di legge, essendo esposto agli agenti atmosferici, privo di qualsiasi licenza, e di facile accesso a persone estranee. L’uomo, indicato come proprietario dei fuochi pirotecnici, è stato raggiunto presso il proprio appartamento in quanto già sottoposto agli arresti domiciliari, e identificato come Micheal Virgulto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!