Edil cav: appalto sospetto. Blitz dei carabinieri al Comune di Parabita

Acquisita la documentazione sull’affidamento senza gara di un lavoro per il rifacimento di segnaletica stradale e sistemazione delle strade urbane

L’ombra della criminalità organizzata torna ad allungarsi pericolosamente sugli appalti del Salento. Ancora una volta è la ditta Edilcav di Ruffano, già colpita da interdittiva antimafia ed esclusa da azienda aggiudicatrice dall’appalto per i lavori sulla tangenziale Est, prima da Comune e Prefettura a giugno scorso, e poi anche dal Tar di Lecce e dal Consiglio di Stato, a finire sotto la lente degli inquirenti. Ieri mattina i carabinieri del comando provinciale hanno acquisito tutta la documentazione relativa all’affidamento diretto (cioè senza gara pubblica) di un appalto per il rifacimento della segnaletica stradale e la sistemazione delle strade urbane del comune di Parabita, assegnato proprio all’Edilcav. Il provvedimento, datato 30 novembre scorso, riguarda un appalto di modesta entità, che comunque non è sfuggito al controllo dei militari dell’Arma, che vogliono vederci chiaro. “Bisogna prestare massima attenzione – ha commentato il colonnello Maurizio Ferla, comandante provinciale dei carabinieri di Lecce – non solo sui grandi appalti ma anche sulle commesse minori, per cui molte volte non è richiesto, o è opzionale, il cosiddetto certificato antimafia. Opere comunque da diverse decine di migliaia di euro, che fanno gola alla criminalità”. Articolo correlato Edil cav: 'rischio infiltrazioni mafiose'. Esclusa dalla gara (2 dicembre 2010)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!