A Parabita, bare a cielo aperto

I sarcofagi sono accantonati in un angolo del cimitero. Si rileva la pericolosità dello zinco, che a contatto con gli agenti atmosferici rilascia particelle nell’aria e nel sottosuolo

Il gruppo consiliare “Bene Comune” di Parabita solleva il problema delle bare “a cielo aperto” e lamiere accantonate in un angolo del cimitero del Comune. Si rileva, in questo caso, la pericolosità dello zinco, che a contatto con gli agenti atmosferici rilascia particelle nell’aria e nel sottosuolo. Inoltre, i cani randagi che sono venuti a contatto con le bare, potrebbero essere portatori di malattie nel paese. La richiesta per il sindaco, Alfredo Cacciapaglia, è di intervenire immediatamente.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati