Comuni in affanno? Arrivano oltre 12 milioni di euro dalla Regione

Entro la fine del 2010 saranno erogate le somme di cui la Regione è debitrice. Circa due milioni di euro per la provincia di Lecce

Anci e Upi pugliesi nei giorni scorsi hanno incontrato l’assessore regionale al bilancio Michele Pelillo, il quale ha manifestato la disponibilità a erogare entro la fine del 2010, una parte delle somme di cui la Regione è debitrice nei confronti di Comuni e Province, per le opere pubbliche finanziate con fondi regionali o nazionali tramite la Regione stessa. L’importo complessivo ammonta a 20 milioni di euro, di cui 12,5 ai Comuni pugliesi e 7,5 alle Province. Anci e Upi hanno concordato i criteri di riparto stabilendo che i fondi andranno prioritariamente agli enti che rischiano di sforare il patto di stabilità. L’Anci ha immediatamente avviato un monitoraggio sui comuni pugliesi, al fine di rilevare le situazioni di sofferenza finanziaria e per stabilire le priorità di assegnazione delle somme messe a disposizione dalla Regione. “Abbiamo adottato un criterio di responsabilità istituzionale per andare incontro alle difficoltà di equilibrio finanziario dei comuni”, ha dichiarato il presidente di Puglia, Gino Perrone. Riportiamo di seguito l’esito della rilevazione e successivamente le tabelle con l’elenco dei comuni destinatari del contributo Articolo correlato Patto di stabilità: accordo con Anci e Upi (30 novembre 2010)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!