Sanità. Piano di rientro. L’accordo c’è

Questo pomeriggio, a Roma, verrà firmato il Piano di Rientro Sanitario con cui verranno riconosciuti, alla regione Puglia, 500 milioni di euro di fondi aggiuntivi a quelli del Fondo Sanitario 2011. Interverranno i ministri del Tesoro, delle Regioni e della Sanità, rispettivamente Giulio Tremonti, Raffaele Fitto e Ferruccio Fazio e il presidente della Giunta Regionale, Nichi Vendola. Aggiornamenti nelle prossime ore // Aggiornamento E’ stato sottoscritto questa sera presso il Ministero per i Rapporti con le Regioni, l’accordo tra il Governo e la Regione Puglia sul Piano di Rientro Sanitario 2010-2012 alla presenza del Ministro per gli Affari regionali Raffaele Fitto e del Presidente Nichi Vendola. Soddisfazione è stata espressa da Fitto che ha sottolineato come “il Governo, attraverso la verifica svolta in questi mesi con i tecnici dei Ministeri dell’Economia, della Salute e dei Rapporti con le Regioni, ha ottenuto da parte della Regione l’impegno all’avvio di un processo di riqualificazione e di riorganizzazione del proprio servizio sanitario e al riordino della rete ospedaliera nell’interesse della Puglia e dei cittadini pugliesi. L’impegno assunto dalla Regione a rimuovere le cause di illegittimità della recente legislazione regionale in materia, conformemente alle richieste avanzate dal Governo, è stato decisivo per la positiva conclusione dell’accordo che oggi è stato sottoscritto”. L’accordo prevede che sarà possibile assegnare alla Regione Puglia la riattribuzione dei maggiori finanziamenti degli anni passati in sede di verifica del rispetto degli adempimenti regionali. Ciò è reso possibile grazie alla Legge finanziaria 2010 che ha concesso un’ulteriore proroga a quelle Regioni che avrebbero gia’ dovuto sottoscrivere i Piani di rientro entro il 31 dicembre 2009. L’impegno della Regione nella realizzazione del Piano è anche legato all’esecuzione della sentenza della Corte Costituzionale n. 333 del 24 novembre 2010, che ha anato la legge regionale n. 27/2009, con l’adozione nell’anno 2010, dei provvedimenti necessari nel rispetto dei vincoli di finanza pubblica statale e regionale. Con la firma dell’Accordo, inoltre, la Regione si è anche impegnata a modificare le leggi regionali n. 11 e n. 12 del 2010, per adeguarsi ai rilievi di legittimità formulati dal Consiglio dei Ministri il 18 novembre 2010. Infine, qualora gli esiti dei giudizi pendenti alla Corte Costituzionale, in riferimento alle ulteriori leggi impugnate, ivi compresa la legge regionale n. 4 del 2010, dovessero risolversi in senso sfavorevole alla Regione, quest’ultima dovrà dare concreta e puntuale esecuzione alle relative sentenze costituzionali, ponendo in essere tutti gli atti e i provvedimenti necessari nel rispetto dei vincoli di finanza pubblica statale e regionale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!