Pesca: progetto '[email protected]' a Gallipoli

Si svolgeranno, fino al 28 novembre, azioni di informazione e sensibilizzazione ambientale del settore

Il Comune di Gallipoli concedendo il patrocinio gratuito all’associazione “Insieme Europa”, con il sostegno del Presidente V commissione Sandro Quintana, e con la produzione televisiva – media partner Gente di Mare, promuove un’azione di informazione e sensibilizzazione ambientale nel settore della pesca aderendo alla “Settimana europea per la riduzione dei rifiuti”. La Fao e il Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente Unep hanno recentemente pubblicato un rapporto in cui si dichiara che le attrezzature da pesca perse in mare o abbandonate dai pescatori stanno danneggiando l'ecosistema marino, compromettendo gli stock marini attraverso la “pesca fantasma” e costituendo un pericolo per le imbarcazioni. Il Comune di Gallipoli, l’associazione “Insieme Europa” e la Provincia di Lecce cercano di dare il proprio contributo alla risoluzione delle criticità sovra evidenziate attraverso l’adozione del progetto [email protected], in programma nella città bella in Piazza Moro dal pomeriggio di venerdi 26 a domenica 28 novembre. L’azione si esplica attraverso quattro attività a) allestimento mercatino del recupero e riutilizzo per le attrezzature da pesca (reti, cordame, galleggianti, etc..) per il successivo reimpiego nel proseguo della funzionalità, ritardando nel tempo l’acquisto di beni nuovi b) allestimento 'nfo – point per diffondere la conoscenza di normative e corrette pratiche ambientali per un efficace smaltimento delle reti ed attrezzature da pesca inutilizzabili per serio danneggiamento e per la corretta rimozione dei rifiuti intercettati dalle reti da pesca c) allestimento di un seminario pratico tenuto da anziani ex-pescatori per la riparazione delle reti e della strumentazione da pesca danneggiata d) allestimento di un sito web dedicato alla diffusione permanente on-line mediante materiale video, foto e contenutistico di informazioni per la corretta gestione delle attrezzature da pesca dismesse ai fini del recupero e riutilizzo e più in generale per la tutela dell’ambiente marino.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!