Porta la sporta: al via dal 1° gennaio

Otranto. Un’ordinanza vieterà l’uso dei sacchetti di plastica non biodegradabili presso le attività artigianali e commerciali

Entra in vigore dal prossimo 1° gennaio l’Ordinanza sindacale che vieta in città l’uso dei sacchetti di plastica presso le attività artigianali e commerciali. Un’iniziativa che risponde all’orientamento dato dalla Comunità europea ai paesi aderenti. L’amministrazione comunale di Otranto ha voluto accompagnare tale divieto che prevede l’uso dei soli sacchetti biodegradabili, con una campagna di sensibilizzazione rivolta ai cittadini affinché acquisiscano nuove abitudini orientate ad un consumo consapevole e sostenibile che guarda all’uso intelligente delle risorse naturali. Si consiglia e si invita ad impiegare per i propri acquisti contenitori riutilizzabili quali borse, cestini o sacchi di iuta. “Siamo convinti che una volta acquisita la virtuosa consuetudine di portare la sporta”, riferisce il sindaco Luciano Cariddi, “il cittadino sarà anche più predisposto a recepire ed attuare altre scelte di consumo responsabile che concorrano alla riduzione o eliminazione di altre tipologie di imballaggi in plastica e non solo. Riteniamo importante per contrastare il continuo aumento dei rifiuti prodotti che tutti, produttori, istituzioni, consumatori, si impegnino in un percorso di azioni quotidiane tese alla riduzione e al riciclaggio di oggetti che oggi sono considerati monouso”. “Siamo tutti consapevoli dell’urgenza di superare quanto prima questo sistema di consumismo compulsivo per adottare, invece, un modello culturale che guardi alla sostenibilità, contribuendo così a ridurre la negativa impronta ecologica che viene determinata dai nostri attuali stili di vita”, conclude il primo cittadino.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!