Provoca un incidente stradale e fugge via

Omissione di soccorso e guida in stato di ebbrezza sulla Veglie – Porto Cesareo

Mancava circa un’ora a mezzanotte quando alla Centrale Operativa di Lecce è arrivata una chiamata di soccorso, da parte di due persone che riferivano di essere rimaste coinvolte in un incidente stradale, sulla Veglie-Porto Cesareo, a causa di un altro mezzo, poi datosi alla fuga. Giunta in località “La zanzara”, la pattuglia ha trovato una Volkswagen Golf”danneggiata sul lato posteriore destro. Gli occupanti, rimasti feriti, hanno dichiarato di essere stati tamponati in prossimità di un incrocio da una“Tuareg”che poi si è allontanata senza prestare loro soccorso. Quella vettura non ha fatto però molta strada: i militari, infatti l'hanno individuata subito e hanno constatato danni rilevanti e perfettamente compatibili con quelli della Golf. S.V., alla guida, ha provato a giustificarli riconducendoli all'impatto con una grossa buca sul manto stradale; le sue ragioni però sono presto venute meno anche grazie alle ammissioni dell'amico che era con lui in auto. Ma la serata ha preso per lui una piega ancora peggiore, perché gli operatori hanno notato subito il comportamento tipico di chi ha alzato il gomito: l'etilometro ha fugato ogni dubbio, rilevando un tasso alcolemico nel sangue (2,18 g/l) di gran lunga superiore al massimo consentito (0,50 g/l).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!