Echi paesani: quando la vita stillava copiosa

Rocco Boccadamo si sofferma sulla carenza di nascite al giorno d'oggi

Nel novero dei tanti cambiamenti inanellatisi fra ieri e oggi, ve nè uno, sicuramente basilare e fondamentale dal punto di vista del consesso civile e non solo, su cui, invero, ci si sofferma poco, sicuramente non per quanto metterebbe conto di fare: quello attinente al processo demografico e, in particolare, alla natalità. Intorno alla fase mediana del XX secolo, nel comune d'origine dello scrivente, circa 5000 anime, ogni anno si registravano, minimo e massimo, da 130 a 180 nascite; in contemporanea, i decessi oscillavano fra i 40 e i 60 casi. Evidente e notevole il divario a beneficio del primo ordine deventi. In che modo si è messi attualmente, è presto detto. I lieti eventi risultano letteralmente rarefatti, realtà consolidatasi su scala nazionale e anche a livello europeo e, in genere, di tutte le aree cosiddette evolute del pianeta; per di più, sono stati numericamente raggiunti, se non sopravanzati, dalla serie dei fine vita. In collegamento, durante l'anzidetto periodo, prevalevano i nuclei familiari consistenti, con quattro, cinque, sei, sette e oltre ancora figli, mentre si presentavano in netta minoranza le mura domestiche con prole in quantità minore. Per passare a qualche riferimento concreto, si vorrebbe citare l'esempio di maestro V.B., padre di nove figli, sei maschi e tre femmine, oppure di maestro V.T., analogamente con nove eredi, quattro maschi e cinque femmine, oppure, infine, dei coniugi T. e C., i quali avevano messo al mondo un'infilata di sei figli maschi. Un particolare ricordo si riferisce al primogenito dell'ultima famiglia, A.; questi faceva, al pari dei genitori, il contadino e, inoltre, la sera, apriva il suo salone di barbiere. Bottega per clienti di barba e capelli, ma anche, e soprattutto, luogo di raduno di una bella cricca di bravi giovani pressappoco coetanei del titolare, uno dei quali sapeva suonare alla buona l'organetto a bocca e dava il là a spensierati cori e canti in allegria. Degna di memoria, in aggiunta, la circostanza che il terz'ultimo e l'ultimo dei sei fratelli, da adolescenti, hanno scelto la vita religiosa e, tuttora, con il loro bell'abito da frati, si vedono ritornare d'estate, per una breve vacanza, al paesello natio. Chiaramente, il modo in cui sono composti e si pongono i nuclei familiari d'oggi, è proprio un'altra e diversissima storia. Lecce, 12 novembre 2010 Rocco Boccadamo

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!