Scommesse clandestine on line, denunciate tre persone

Gallipoli. I gestori delle agenzie effettuavano la raccolta delle scommesse degli avventori con account intestati a prestanome

I finanzieri della Compagnia di Gallipoli sono intervenuti per contrastare un giro di scommesse clandestine on line legate a eventi sportivi. Tre i salentini coinvolti, i gestori di due agenzie di scommesse, che, nonostante fossero sprovvisti di qualsivoglia autorizzazione prevista dalle leggi di Pubblica Sicurezza, attraverso il collegamento telematico raccoglievano e gestivano scommesse su eventi sportivi. Nel caso specifico, i gestori effettuavano la raccolta delle scommesse degli avventori, utilizzando account intestati a prestanome. Infatti, tali tipologie di scommesse possono essere regolarmente effettuate esclusivamente da giocatori preventivamente registratisi on line, nei siti gestiti dai bookmaker telematici, attraverso l’utilizzo dell’account personale che permette di effettuare i pagamenti delle giocate e ricevere le eventuali vincite. I militari, constatata la totale assenza delle autorizzazioni prescritte, operavano le perquisizioni dei due centri scommesse che si concludevano con l’apposizione dei sigilli su 14 personal computer, 9 stampanti e 2 monitor, utilizzati per le giocate clandestine. I gestori sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Lecce per il reato di esercizio di scommesse clandestine.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!