Il Patto dei Sindaci per ridurre le emissioni di Co2

La Provincia di Lecce, riconosciuta dalla Commissione europea “struttura di supporto” per quest'azione, convoca i Comuni salentini aderenti

La Provincia di Lecce ha recentemente siglato l’accordo con la Direzione generale dell’energia della Commissione europea, con il quale la Commissione le riconosce il ruolo di “struttura di supporto” per i Comuni che aderiscono al “Patto dei Sindaci”. Per illustrare e divulgare i particolari di questo strumento e individuare le possibili azioni di intervento, l’assessore provinciale alla Gestione territoriale e alle Politiche dell’energia, Giovanni Stefano, ha convocato i sindaci dei Comuni salentini per oggi, nella sala Caccia del Palazzo della Provincia di Lecce in via Botti. “Si tratta dell’ultimo degli incontri già realizzati per illustrare lo strumento del Patto e invitare all’adesione quei Comuni che ancora non l’hanno fatto”, spiega l’assessore Stefano. “E’ il primo passo per iniziare un percorso che ci porterà ad azioni mirate alla riduzione delle emissioni. Ma è uno strumento che necessita e richiede la partecipazione di tutti, perché ogni singolo ente locale è protagonista del suo territorio e stimolo per i cittadini, soprattutto in materia di politiche energetiche”. I Comuni che hanno già perfezionato la loro adesione al “Patto dei sindaci” con propria delibera di Consiglio sono: Andrano, Bagnolo, Botrugno, Cannole, Diso, Giuggianello, Maglie, Miggiano, Minervino, Montesano Salentino, Nociglia, Ortelle, Palmariggi, Salve, San Cassiano, Sanarica, Surano, Uggiano La Chiesa e Veglie. Articoli correlati “Patto dei Sindaci”: la Provincia per la riduzione di Co2 (27 settembre 2010) Il Vice-Presidente de “La Nuova Energia”, Enzo Tucci, favorevole al “patto dei Sindaci” (17 settembre 2010)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!