Tentano truffa a sportello bancomat: in manette due rumeni

Galatina. Con uno stratagemma riuscivano a rilevare i codici delle carte di credito dei clienti della Popolare Pugliese

Nella serata di ieri, gli Agenti del Commissariato di Galatina hanno arrestato i rumeni Daniel Grigore, 24enne, e Costantin Zmaranda, 22enne, entrambe rumeni senza fissa dimora, per tentata truffa aggravata. La collaborazione dei cittadini si è dimostrata fondamentale ai fini delle indagini. I due infatti erano stati notati, nei giorni scorsi, mentre armeggiavano nelle vicinanze dello sportello bancomat della Banca Popolare Pugliese di Galatina. Gli agenti del Commissariato li hanno notati avvicinarsi al bancomat, posizionare un supporto metallico e allontanarsi. E' stato accertato che nel supporto metallico era stato praticato un foro, sul quale era stato apposto un cellulare munito di telecamera che serviva per rilevare i numeri bancomat di ignari clienti. I due rumeni restavano in attesa nei pressi della Banca per poi tornare vicino lo sportello a ritirare il supporto. E’ stato proprio in questa fase che gli agenti li hanno bloccati prima che si potessero dileguare. Ai due è stata sequestrata l’autovettura, alcune carte di credito, alcuni telefoni cellulari, schede telefoniche e 169 euro. A seguito della perquisizione si è accertato che il telefono utilizzato per la truffa aveva registrato 15 numeri di codice di bancomat.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!